Una guida passo-passo per lavare i vestiti a mano

Sapere come lavare efficacemente a mano vestiti e biancheria è particolarmente utile in questo momento per quelli di noi che non hanno lavatrici e potrebbero evitare spazi pubblici come le lavanderie. Ma non c’è bisogno di essere nel bel mezzo di una pandemia per questa abilità di vita per tornare utile: il lavaggio a mano può frenare l’impatto ambientale della vostra routine di lavanderia tagliando su macchine ad alta intensità energetica. Può anche aiutare i vestiti durano più a lungo, impedendo dissolvenza, restringimento, e strappi causati dalla lavatrice e asciugatrice. È una doppia vittoria per la sostenibilità e può essere facile e conveniente anche con un po ‘ di know-how.

1. Decidere cosa dovrebbe (e non dovrebbe essere) lavato a mano.

La sfida più grande per chi è nuovo al lavaggio delle mani è sapere cosa può e non può essere lavato a mano a casa. Controllare prima l’etichetta di cura. I vestiti lavabili in lavatrice sono tutti lavabili a mano, dalle calze più sporche e dagli attrezzi da allenamento agli strofinacci e alle lenzuola. Ma che dire di quelle etichette “solo a secco”? Spesso, possono essere ignorati. I produttori sono tenuti a elencare solo un’opzione di pulizia (macchina, lavaggio a mano o solo lavaggio a secco) sull’etichetta di cura, e molti scelgono di lavare a secco solo per oggetti delicati in modo da non mettersi nei guai se i clienti rovinano un indumento lavando a casa.

Lavaggio a secco-solo indumenti leggeri e semplicemente costruiti, che sono di un colore e fatti di un materiale, e che mancano di una fodera sono buoni candidati per il lavaggio delle mani. La maggior parte dei maglioni in cashmere o lana può e deve essere lavata a mano. Cotone, seta, e top sintetici e pantaloni, e anche alcuni indumenti rayon viscosa possono essere lavati a mano così come reggiseni, collant e lingerie.

Per quanto riguarda cosa non inzuppare nel lavandino della cucina, lascia che il buon senso ti guidi. La pelle e la pelle scamosciata e tutto ciò che è pesantemente impreziosito o con rivestimenti cuciti (come abiti da sera, cappotti invernali, abiti o altri capi su misura) sono tutti meglio lasciati ai professionisti. Anche i colori molto brillanti o saturi non dovrebbero essere lavati a mano, a meno che tu non sia disposto ad accettare lo sbiadimento. Gli indumenti di seta brillante, in particolare, tendono a perdere colore molto facilmente. Se non sei ancora sicuro che un capo sia lavabile a mano, tampona un punto poco appariscente come una cucitura interna o l’interno del polsino con un panno umido o una punta Q. Se il tessuto perde una quantità significativa di colore o si restringe o si deforma, optare per il lavaggio a secco.

2. Raccogli le tue provviste.

Per cominciare, avrai bisogno di un bacino. Il lavandino del bagno o una vasca di plastica è l’ideale (anche un secchio funziona). Per carichi più grandi, pezzi a figura intera, o asciugamani e lenzuola, la vasca da bagno o un grande lavello della cucina sono i migliori. Assicurarsi che il bacino sia perfettamente pulito, poiché qualsiasi residuo si trasferirà facilmente su indumenti di colore chiaro. Se si utilizza un lavello della cucina, assicurarsi di lavare il detersivo dopo l’uso, in quanto non è adatto per il consumo.

Avrete anche bisogno di un posto per asciugare: Potrebbe essere un clothesline (ci sono opzioni interne ed esterne), o un pieghevole stendino, o si può improvvisare con un portasciugamani o doccia bar o anche la ringhiera di un ponte o balcone. Le lenzuola possono essere drappeggiate su due sedie in un pizzico.

Anche se non è necessario un detergente speciale per il lavaggio delle mani, è importante utilizzarne uno delicato, privo di profumi e candeggianti. Le opzioni eco-compatibili come la settima generazione, il Dr. Bronner e Ecover funzionano bene,così come i saponi per lavastoviglie e lo shampoo per bambini. I detergenti delicati ed ecologici sono migliori per l’ambiente e delicati sui vestiti. Ma sono anche molto meglio per te e la tua pelle mentre ti lavi a mano. Se si prende per il lavaggio delle mani, considerare di investire in un washboard e una spazzola, ma non sono necessari se si sta appena iniziando.

3. Ordina per colore, tipo e sporco.

Dividi i tuoi vestiti di tutti i giorni in luci e ombre e per livello di sporco. Ad esempio, potresti lavare calze, vestiti da palestra e biancheria intima insieme e poi asciugamani insieme, poiché queste categorie richiedono più sapone e agitazione. Strati esterni come T-shirt e jeans possono essere lavati insieme pure. Lavare i delicati singolarmente o pochi alla volta, e tutti dello stesso colore, per proteggere le fibre.

Tieni presente che dovrai trovare un posto per appendere a secco tutti i tuoi oggetti. Se si dispone di spazio limitato, lavare piccoli carichi e, se si lavano i fogli, lavare un set alla volta.

Controllare i vestiti per l’ingiallimento e le macchie. Applicare il detergente direttamente su qualsiasi punto, strofinare con le dita e lasciare riposare per 15 minuti. Se i tuoi bianchi sono gialli o hai un anello intorno al colletto, usa ingredienti domestici naturali e non tossici per alleggerirli, come il perossido di idrogeno, che può essere applicato direttamente alle aree gialle, o succo di limone, bicarbonato di sodio o aceto bianco distillato mescolato nell’acqua di ammollo. La luce del sole illumina anche i bianchi.

4. Pronto, set, lavare.

Riempire il vostro bacino con acqua fredda e una piccola quantità di detersivo (poche gocce è appropriato per un indumento; seguire le misure sulla vostra bottiglia di detersivo per carichi molto sporchi o oggetti più grandi come asciugamani e lenzuola). Tenete a mente che l’acqua è un solvente e farà gran parte del sollevamento di pulire i vestiti—troppo sapone sarà difficile da rimuovere e può lasciare un residuo croccante.

Ruotare il sapone e l’acqua intorno fino a completa miscelazione. Cadere il vostro indumento (s) o biancheria in acqua fino a quando sommerso. Per vestiti o biancheria molto sporchi, lasciarli in ammollo per almeno mezz’ora a un’ora. Lasciare calze e biancheria intima o biancheria durante la notte, se necessario.

Ora, con le mani, fai scorrere delicatamente i vestiti. Per indumenti sporchi come calze o strofinacci, è necessario fare un po ‘ di lavaggio. Se non si dispone di un washboard o una spazzola, strofinare l’indumento o la biancheria contro se stessa. Oppure, metti la mano dentro un calzino pulito e usalo come scrubber. Se noti che l’acqua diventa grigiastra o addirittura giallastra, questo è normale e un segno che il bucato si pulisce!

Versare l’acqua saponata e correre fresco, acqua pulita sopra i vestiti fino a quando l’acqua scorre chiaro e non ci sono schiuma. Potrebbero essere necessari diversi passaggi di acqua pulita.

Quindi, premere il bucato, spingendolo contro il lato del bacino e spingendo l’acqua fuori. Non strizzare gli indumenti o tirarli su e fuori dal bacino mentre inzuppano bagnato, in quanto ciò li farà deformare e perdere la loro forma. Continuare a spingere fino a quando la maggior parte dell’acqua extra viene rimossa. Più acqua puoi spingere fuori dai tuoi vestiti, più velocemente si asciugheranno e meno probabilità sono di muffa.

5. L’asciugatura ad aria è facile.

Ora è il momento di asciugare all’aria. I tessuti si asciugano a velocità diverse. I sintetici come il poliestere o i pantaloni da yoga in nylon si asciugano molto velocemente. Anche la lana si asciuga relativamente rapidamente. Indumenti di cotone, e soprattutto asciugamani di cotone e lenzuola, sono suscettibili di prendere il più lungo, in modo da tenere a mente come si trovano aree per asciugare i vostri articoli.

Per prima cosa, dovrai rimuovere tutta l’umidità extra da indumenti pesanti e densi, come maglioni di lana grosso, stendendoli su un asciugamano. Rimodellali, arrotolali nell’asciugamano e spingi fuori l’umidità. Viscosa / rayon tende anche a deformarsi quando appeso ad asciugare. Questi elementi devono essere asciugati piano, in modo da trasferire su un asciugamano asciutto e posto vicino a una finestra, ventilatore, AC sfiato, o riscaldatore.

È importante rimodellare i vestiti se si appendono asciutti. Se si utilizzano mollette, metterli in un punto poco appariscente in modo da non pucker i tessuti. Se si utilizza uno stendino, piegare gli oggetti al centro attraverso le barre. Un’altra opzione è quella di appendere indumenti da grucce sulla vostra asta doccia o fuori il vostro stendibiancheria, lasciando spazio per l’aria di circolare. Lenzuola e asciugamani possono essere fissati ai ganci e appesi all’asta della doccia, drappeggiati su una ringhiera del ponte o due sedie o sopra il tuo stendino.

Per velocizzare l’asciugatura all’interno, posizionare il bucato vicino a un ventilatore, una finestra o sopra una presa d’aria condizionata o vicino a un riscaldatore, ma non troppo vicino al riscaldatore per evitare danni. Un altro consiglio: fare il bucato prima di andare a letto, e nella maggior parte dei casi sarà asciutto al mattino. Gli oggetti che sono rugosi possono essere ritoccati con un ferro da stiro o un piroscafo, ma molte rughe cadranno da sole.

Il lavaggio delle mani potrebbe sembrare scoraggiante all’inizio, ma diventa una seconda natura con un po ‘ di pratica. Una delle gioie più inaspettate del lavaggio delle mani è che può farti risparmiare tempo. Lavare piccoli carichi di vestiti e strofinacci nel lavandino per tutta la settimana può aiutarti a evitare i giorni di lavanderia ad alta intensità di tempo. Buon lavaggio delle mani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.