Test

‘Verità’ ha sempre avuto un rapporto particolare con la politica. Non essendo necessariamente vista come una virtù politica, la preoccupazione per la verità ha avanzato analisi politiche dei contesti sociali e storici del racconto della verità, studiando anche trasformazioni sociali più ampie lungo identità menzognere e false. Questo lavoro scientifico ha lo scopo di promuovere spiegazioni sociali e culturali del ruolo della verità nella politica. L’eredità politica dell’Illuminismo, con la sua attenzione all’autorità civica e alla razionalità, ha generato, insieme all’ascesa delle società industriali occidentali, la necessità di competenze scientifiche e può essere vista come la fonte della moderna ascesa culturale della scienza che ha portato una nozione di verità come una “solida conoscenza”.Questa solida conoscenza deve ancora essere dimostrata giusta, o giustificata, per ottenere legittimità nel processo politico. Il diritto alla conoscenza, uno dei pilastri cruciali delle democrazie liberali, ha quindi creato un’arena della sana conoscenza, in quanto ogni sorta di competenza è dibattuta, sostenuta, creduta o negata. L’avvento dell’analisi politica “basata sull’evidenza”, sebbene apparentemente aderente ai principi di un’autorità esperta, segnala anche un implicito riconoscimento della critica, e propone l’ “argomentazione” e la “performance” della solida conoscenza.L’anno 2017 è stato un anno che ha mostrato una tale arena di argomentazioni e prestazioni, rivelando allo stesso tempo una certa frattura di verità che abbiamo pensato sia stata sistemata negli attuali regimi liberaldemocratici: entro la fine dell’anno 2016 l’Oxford Dictionary ha classificato ‘post-verità’ come la parola dell’anno. Questa non fu una sorpresa, poiché quell’anno fu segnato dalla rapida diffusione di ciò che fu etichettato come” fake news “e dalla minaccia generale della” post-verità ” presentata per la produzione di verità nella scienza e nella politica. Allo stesso tempo, diverse rivolte populiste hanno minato l’idea liberaldemocratica della pluralità della conoscenza che la ritrae come una “competenza elitaria” o un’agenda ideologica delle élite liberali. Inoltre, la critica della conoscenza accademica è diventata un argomento cruciale durante il dibattito sulla Brexit o il primo anno di amministrazione di Trump. Mentre gli esperti politici sono stati alla ricerca di modi legali per limitare la produzione e la diffusione di notizie false nei social media, gli scienziati sono stati chiamati a stare in piedi contro i movimenti post-verità e difendere l’indagine scientifica sistematica. Nel complesso, la società civile è stata iterativamente descritta come la forza democratica che dovrebbe combattere il post-factualismo.Eppure, mentre la difesa pubblica della verità ha assunto forme diverse e ha ispirato un più ampio dibattito concettuale sui modi in cui le democrazie liberali abbracciano non solo la verità, ma anche il dubbio e la controversia, alcuni recenti sviluppi politici hanno sottolineato il fatto che tutti questi strumenti dell’indagine critica possono allo stesso tempo finire nelle mani di populisti e negazionisti. Alcuni hanno persino suggerito che la democrazia liberale ha facilitato l’inclinazione e la diffusione del post-factualismo perché ha elogiato la pluralità della conoscenza e costruito sulla costruzione sociale dei fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.