Spoiler Talk: la fine del “Codice sorgente” è aperta all’interpretazione?

In arrivo 3 aprile 2011

Spoiler Talk: la fine del 'Codice sorgente' è aperta all'interpretazione?
Jake Gyllenhaal nel codice sorgente
Foto: Summit Entertainment

Frequentatore e commentatore “Ian” ha chiesto nel rapporto al botteghino del venerdì di ieri che ho postato qualcosa che discute il finale del nuovo codice sorgente di rilascio di questo fine settimana. Ha detto che aveva letto alcune interpretazioni diverse e pensato che avrebbe fatto per una buona discussione. Questo mi ha colto di sorpresa. Principalmente perché non pensavo ci fosse qualcosa da interpretare.

Amando la prospettiva di una buona discussione e curioso di vedere ciò che la gente stava dicendo, ho preso al web, sinceramente interessato a leggere quali possibilità stavo trascurando.

Tuttavia, prima di approfondire qualsiasi interpretazione, ricordiamoci di ciò di cui stiamo discutendo. Ovviamente, se non hai ancora visto il film, stai entrando in un enorme territorio di spoiler. Inoltre, non ho intenzione di spiegare il film (la clip a destra può aiutare se hai bisogno di assistenza lì). Detto questo, andiamo ad esso, e se sono un po ‘ fuori su qualcosa, vi prego di scusarmi, ho visto il film più di due settimane fa.

Alla fine del Codice sorgente Colter Stevens (Jake Gyllenhaal) scopre l’identità dell’attentatore, trasmette le informazioni e l’attentatore viene catturato prima che possa far esplodere una bomba nel mezzo di Chicago. Da qui il suo personaggio convince Colleen Goodwin (Vera Farmiga) a mandarlo nel “Codice sorgente” un’ultima volta nel tentativo di salvare i passeggeri sul treno disarmando la bomba, catturando l’attentatore e trasformandolo nelle autorità.

Colter vuole farlo nonostante il fatto” Codice sorgente ” creatore Dr. Rutledge (Jeffrey Wright) gli ha detto che è uno sforzo inutile in quanto ha solo gli ultimi otto minuti della vita di Sean Fentress da vivere da quando il mondo, per quanto riguarda Fentress, è finito quando la bomba è esplosa e Fentress è morto. Sulla base di questa teoria, non c’è niente che Colter possa fare se non rivivere gli otto minuti di nuovo, salvare il treno o no, e tornare alla realtà narrativa del film dopo otto minuti.

Nonostante la sua richiesta sia stata negata da Rutledge, Colleen va contro gli ordini e manda Colter indietro un’ultima volta. Questa volta disarma la bomba, cattura l’attentatore e — questo è importante — invia a Colleen un messaggio di testo per farle sapere che una crisi è stata evitata e il “Codice sorgente” funziona.

Come gli otto minuti assegnati tempo di fine sembra congelare. Allo stesso tempo Colleen, nella realtà narrativa del film, termina la vita di Colter. Il film poi torna a Colter nel “Codice sorgente” dove il tempo riprende, scende dal treno con Christina (Michelle Monaghan) e vivono felici e contenti.

La scena è impostata discuss Discutiamo

Guardando in giro per Internet ho trovato l’interpretazione di Christopher Campbell del finale su indieWire. Egli crede che quando otto minuti di Colter sono in su “questo è quando sarebbe saltare fuori Sean’s corpo e tornare al proprio corpo” torna al laboratorio e tutto ciò che vediamo da quel momento in poi è il suo “paradiso” per Colter. Egli crede anche Sean Fentress è ancora vivo ed è irremovibile nel dire Colter è ” non in due posti contemporaneamente.”

Successivamente, ho un altro pezzo da aggiungere alla discussione come Christy Lemire (co-conduttore di Ebert Presents at the Movies), Matt Atchity (caporedattore di Rottentomatoes.com) e Ben Mankiewicz (ospite di Turner Classic Movies) discutono il finale. Puoi guardarlo a destra e lo riporto a breve.

Devo ammettere, sono rimasto sorpreso da entrambe queste discussioni. Io, forse ingenuamente, ho pensato che il film fosse al 100% diretto e ovvio. Duncan Jones e ho anche discusso a lungo nella mia intervista e per dirla semplicemente, dice abbastanza chiaramente, “echnicamente è un film di realtà parallela.”

Lascia che lo spieghi come lo vedo io

Vedi, ogni volta che Colter torna nel” Codice sorgente ” sta creando una nuova realtà parallela. Le prime sette volte in, muore come suggerisce l’infografica a destra (clicca per ingrandire). Quindi, in sostanza, ciò che il Dott. Rutledge ha creato è un metodo di viaggio nel tempo, ma un metodo di viaggio nel tempo che non solo invia il suo utente indietro nel tempo, ma crea una nuova realtà parallela che l’utente ora abita e sarà, teoricamente, continuare con o senza detto utente.

Così, quando Colter torna indietro per un’ultima volta e ferma l’attentatore e salva il treno è qui che ora vivrà per sempre, la sua coscienza nel corpo di Sean Fentress in una nuova realtà alternativa. Nel frattempo, nella realtà narrativa Sean, Christina e tutti gli altri sul treno sono ancora morti, ma l’attentatore viene catturato, il “Codice sorgente” ha dimostrato di funzionare e Colleen termina la vita in coma di Colter.

Quindi, quando Christopher di indieWire dice che Colter era “non in due posti contemporaneamente”, lo vedo in modo diverso. Colter non è in uno o due posti, è in più posti contemporaneamente. Il corpo fisico di Colter non esiste solo nella realtà narrativa, ma in ogni singola realtà parallela creata dal “Codice Sorgente”.

Come la ragione vorrebbe, la coscienza di Colter esiste anche in ogni realtà parallela. L’unico posto in cui sappiamo che non esiste né il suo corpo fisico né la sua coscienza è nella realtà narrativa del film dove Colleen finisce ciò che rimane della sua vita.

Per rispondere alla domanda di Christy Lemire dal video qui sopra dove si chiede cosa sia successo a Sean, la risposta è semplice… è morto. Sean (o il suo corpo, a seconda di come lo vuoi interpretare) muore nei primi sette viaggi di Colter nel “Codice sorgente” ed è già morto nella realtà narrativa del film. Nel viaggio finale il corpo di Sean sopravvive, ma è occupato dalla coscienza di Colter.

Anish Kapor “Cloud Gate” scultura come si vede nel codice sorgente
Foto: Summit Entertainment

Ora so che è un sacco di divling da parte mia. L’ho letto e riletto più volte, sperando che fosse in qualche modo comprensibile. Ma in caso contrario, forse questa rapida sommatoria come Jones l’ha descritta nella nostra intervista aiuterà:

echnicamente è un film di realtà parallela, ma è anche un viaggio nel tempo. È una realtà parallela, ma la realtà che stiamo andando a, stiamo andando a un evento passato in quella realtà parallela. Siamo in questo mondo, Vera Farmiga e Jeffrey Wright lo stanno mandando a quello che pensano siano gli ultimi otto minuti della vita di qualcuno, catturati nello stato cerebrale di una vittima, nello stato cerebrale di Shawn Fentress, ma quello che stanno effettivamente facendo — alla fine del film — è che stanno accedendo a una realtà parallela, ma devono ancora viaggiare all’indietro perché devono andare a questo evento sul treno. Quindi è in grado di creare questa nuova realtà ogni volta che viene inviato a un nuovo “Codice sorgente”.”

Dopodiché, se vuoi ancora più prove a sostegno di come la vedo, ci sono due cose che danno ancora ulteriori chiarimenti.

Il primo è qualcosa di cui Jones e io abbiamo parlato brevemente, ma non l’ho incluso nell’intervista. Quando guardi di nuovo il film, noterai durante i titoli di testa quando compaiono le parole “Codice sorgente”, una linea viene disegnata nella parte inferiore dello schermo e mentre continua una seconda linea devia in una tangente, a simboleggiare la realtà alternativa. Questa era solo una sorta di seconda volta clue Jones incluso nel film per coloro che lo guardano di nuovo.

Il secondo è il messaggio di testo. Il testo che Colter invia viene ricevuto nella realtà alternativa finale e ricevuto da un Colleen alternativo. Le dice che il” Codice sorgente ” funziona e una crisi è stata evitata. Poco dopo si sente Rutledge nel suo ufficio dire, ” Un giorno verrà una crisi e il ‘Codice sorgente’ avrà il suo giorno al sole.”Dice questo perché in questa realtà — la realtà parallela in cui Colter ha impedito alla prima bomba di esplodere — il “Codice sorgente” non è mai stato usato. È qui che la coscienza di Colter esiste in due posti. La sua coscienza risiede nel corpo di Fentress così come nel suo corpo in laboratorio, in attesa che arrivi una crisi e il programma “Codice sorgente” possa essere usato per la “prima” volta.

Questo aspetto “due coscienze in un posto” è certamente qualcosa che sono sicuro che molti discuteranno. Tuttavia, è chiaro che la coscienza di Colter risiede ancora nel corpo di Fentress mentre lui e Christina visitano la scultura “Cloud Gate” e mentre vediamo Colter mentre camminano e parlano, Colter vede il volto di Sean riflesso nella scultura. Sono sicuro che alcuni teorizzeranno che questo crea un paradosso finale del mondo, ma per quanto riguarda il film sembra funzionare bene.

Whew! Ci è voluto molto più tempo di quanto pensassi, e ora per te aggiungere i tuoi pensieri. La vede diversamente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.