Qual è la quantità ‘giusta’ di tempo tra le gravidanze? Potrebbe essere più breve di quanto pensi

Quando si tratta di decidere quando provare per un altro bambino, non c’è una risposta giusta, ma ci sono linee guida.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato in precedenza alle madri di attendere 24 mesi tra una gravidanza e l’altra per ridurre i rischi associati alle nascite back-to-back, ma una nuova ricerca suggerisce che un lasso di tempo più breve—anche solo un anno—può essere sufficiente spazio per ridurre i rischi per mamma e bambino.

Mentre le mamme americane stanno invecchiando, questa notizia potrebbe essere un vero sollievo per le madri oltre i 35 anni che sono desiderose di avere figli vicini all’età, ma stanno anche soppesando i rischi che derivano dall’età materna avanzata, come le anomalie cromosomiche e l’infertilità. Quando hai a che fare con questi problemi, 24 mesi tra una gravidanza e l’altra possono sembrare un lungo periodo di attesa.

I ricercatori della University of British Columbia e della Harvard TH Chan School of Public Health hanno esaminato i risultati di 148.544 gravidanze in Canada utilizzando i dati provenienti da registri di nascita, record di ospedalizzazione, dati di prescrizione per informazioni sull’infertilità e record di censimento.

Lo studio, recentemente pubblicato su JAMA Internal Medicine, ha rilevato che rimanere incinta meno di 12 mesi dopo il parto è legata ad un aumento dei rischi per le donne di tutte le età. La ricerca suggerisce che per le giovani mamme breve distanza tra le nascite a volte può essere dovuto a gravidanze non pianificate, ma per le mamme oltre 35, gravidanze ravvicinate sono spesso intenzionali.

In entrambi i casi, i rischi di parto spontaneo sono ridotti quando le gravidanze sono almeno un anno di distanza.

Lo studio ha rilevato che le donne sopra i 35 anni che hanno concepito sei mesi dopo una precedente nascita, hanno un rischio dell ‘ 1,2% (12 casi per 1.000 gravidanze) di mortalità materna o morbilità grave, ma quando le mamme hanno aspettato 18 mesi, il fattore di rischio è sceso a 0.5%(cinque casi per 1.000 gravidanze).

“Le madri anziane per la prima volta hanno prove eccellenti per guidare la spaziatura dei loro figli”, ha detto l’autore senior dello studio, Dr. Wendy Norman in un comunicato stampa UBC.

Secondo Norman, anche aspettare la metà del tempo di attesa precedentemente raccomandato aiuterà le madri, senza aggiungere tanta ansia per l’attesa. “Raggiungere quell’intervallo ottimale di un anno dovrebbe essere fattibile per molte donne, ed è chiaramente utile ridurre i rischi di complicanze”, ha spiegato.

Molti genitori sognano di avere figli vicini all’età e questo studio dimostra che è possibile, anche per le mamme più anziane.

Potrebbe piacerti anche:

  • Il recupero dalla nascita richiede questi 5 bisogni universali-per ogni donna
  • È scienza: i bambini di mezza età hanno maggiori probabilità di essere sociali e di successo
  • Cosa significa la grande differenza di età del bambino per Chip e il nuovo bambino di Jo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.