Northeast Georgia Health System raggiunge un nuovo massimo per ricoveri

GAINESVILLE, Ga. – “Siamo molto pieni nei nostri letti d’ospedale e nei nostri letti di assistenza critica”, ha detto il dottor John Delzell, Vice Presidente del Northeast Georgia Health System (NGHS).

Per la seconda volta in sette mesi, il gruppo ospedaliero con sede a Gainesville è stato costretto ad aggiungere un’altra struttura per ospitare letti ospedalieri per pazienti critici.

Caricamento …

“Oggi abbiamo avuto 221 in ospedale”, ha detto Delzell. “Siamo in esecuzione molto vicino a tra il 95 e il 98 per cento di capacità per tutto il tempo, in tutte le nostre sedi.”

Questi numeri includono pazienti COVID-19 e non COVID-19, ma la maggior parte sono in trattamento per il coronavirus.

“Durante la prima ondata, abbiamo dedicato molto tempo ad espandere la nostra capacità di assistenza critica. Abbiamo aperto un paio di nuove aree ICU nei nostri ospedali”, ha detto Delzell.

All’inizio della prossima settimana, NGHS ha detto che si stanno preparando ad aprire un’ala a Laurelwood Mental Health Facility a Gainesville, dando loro almeno altri 20 letti.

Con l’anticipazione di più posti letto, arriva più tensione sui professionisti medici già esausti.

“Abbiamo lottato, in particolare quando le persone si sono ammalate”, ha detto Delzell. “Questo lo ha reso più una sfida; perché anche il nostro staff si ammala, quindi, questo lo rende più una sfida.”

Delzell dice scelte individuali delle persone per le vacanze potrebbe rendere le cose migliori o peggiori.

“Vogliamo davvero che le persone pensino alle riunioni. Non andare alle feste natalizie, è un disastro che aspetta di accadere davvero nella nostra zona”, ha detto Delzell. “Siamo già alla capacità, quindi se le persone iniziano a fare feste di Natale o feste di Capodanno, questo potrebbe davvero peggiorare le cose.”

Gainesville non è l’unico posto dove gli ospedali sono vicini alla capacità.

La Georgia ha 14 regioni ospedaliere e in questo momento sei di loro sono allungati al punto di dover cercare altri posti per ospitare i pazienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.