Lieve deterioramento cognitivo

La perdita di memoria è stata a lungo accettata come parte normale dell’invecchiamento.

Recentemente c’è stato un crescente riconoscimento che alcune persone sperimentano un livello di perdita di memoria maggiore di quello solitamente sperimentato con l’invecchiamento, ma senza altri segni di demenza. Questo è stato definito lieve deterioramento cognitivo (MCI). Come MCI è stato definito solo di recente, c’è una ricerca limitata su di esso e c’è molto che non capiamo ancora.

Che cos’è MCI?

MCI è generalmente definito come significativa perdita di memoria senza la perdita di altre funzioni cognitive. Le persone con MCI hanno più problemi di memoria di quanto ci si aspetterebbe da qualcuno a un’età simile. Le persone con MCI sono in grado di funzionare in modo indipendente e non mostrano altri segni di demenza, come il ragionamento o il giudizio alterato.

Le lamentele tipiche delle persone con MCI includono problemi a ricordare i nomi delle persone che hanno incontrato di recente, ricordando il flusso di una conversazione e una maggiore tendenza a smarrire le cose.

Le persone con MCI di solito possono svolgere tutte le loro attività quotidiane, ma spesso compensano i loro problemi di memoria facendo affidamento su prompt di memoria come note di promemoria o calendari.

Nel 2001, l’American Academy of Neurology (AAN) ha stabilito i seguenti criteri per l’uso da parte dei medici nel determinare se una persona ha MCI:

  • rapporto di problemi di memoria, preferibilmente confermato da un’altra persona
  • misurabile, maggiore del normale compromissione della memoria rilevata con test di valutazione della memoria standard
  • normale pensiero generale e capacità di ragionamento
  • capacità di svolgere normali attività quotidiane.

Un recente aggiornamento di questi criteri consente alla persona di non essere a conoscenza dei problemi di memoria e consente anche di influenzare attività più complesse, come la gestione delle finanze.

Determinare se una persona ha MCI può essere problematico perché è difficile definire quanta compromissione della memoria è considerata “più del normale”. Attualmente, una grande quantità di ricerca è stata condotta in MCI.

Come viene rilevato MCI?

L’MCI viene solitamente rilevato utilizzando metodi di test simili a quelli utilizzati per la demenza. Questo inizia con il medico che parla sia con la persona che, se possibile, con un amico o un familiare, per ottenere una comprensione approfondita della storia medica della persona, del farmaco che sta assumendo, dei problemi di memoria che stanno vivendo e di qualsiasi altra informazione pertinente.

Un esame fisico e esami del sangue può essere fatto al fine di escludere altre cause di perdita di memoria come depressione, stress, problemi di farmaci, o una carenza nutrizionale.

Le persone sospettate di avere MCI saranno anche testate con test generali per la cognizione e la funzione di memoria come quelli utilizzati nella diagnosi di demenza.

L’MCI porta alla demenza?

Studi recenti indicano che le persone con MCI hanno maggiori probabilità di sviluppare demenza, in particolare il morbo di Alzheimer. Attualmente si stima che le persone con MCI abbiano un rischio aumentato da 3 a 5 volte di sviluppare demenza rispetto ad altri della loro età.

Un ampio studio di trattamento con persone selezionate con diagnosi più grave di MCI ha rilevato che circa il 15% dei soggetti progrediva alla demenza ogni anno.

Tuttavia, l’MCI non sempre porta alla demenza e può richiedere molti anni per farlo. Nei test condotti regolarmente per un certo numero di anni, una percentuale sostanziale di persone con MCI è rimasta stabile o addirittura migliorata. Vari studi mostrano risultati diversi nelle loro stime di quante persone con MCI progrediranno verso la demenza.

MCI può essere trattato?

Attualmente, non esiste un trattamento specifico per MCI. Un certo numero di studi stanno studiando diversi trattamenti, come gli inibitori della colinesterasi usati per trattare la malattia di Alzheimer, Ebixa, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), vitamina E e statine (per il controllo del colesterolo). In questa fase nessuna terapia farmacologica per MCI si è dimostrata efficace, ma il lavoro continua. Come nuovi trattamenti medici per la malattia di Alzheimer sorgono, è probabile che saranno testati anche in persone con MCI. Gli studi che comprendono le prove della droga hanno indicato la prova preliminare che i trattamenti della droga possono efficacemente ritardare la progressione alla demenza.

L’allenamento cognitivo (esercizio della mente e della memoria) è stato suggerito come utile per l’MCI ed è importante mantenere una dieta sana, fare regolare esercizio fisico e mantenere una buona salute generale, in particolare controllando la pressione sanguigna, abbassando i livelli di colesterolo e smettendo di fumare.

Nella maggior parte dei casi, una persona con diagnosi di MCI non subirà alcun trattamento medico, ma sarà regolarmente monitorata per i cambiamenti nella loro memoria. La consulenza può aiutare le persone con MCI a trovare modi per adattarsi ai cambiamenti che stanno vivendo e per conoscere i modi per compensare le loro difficoltà di memoria.

Implicazioni di MCI

Le implicazioni del rilevamento di MCI possono essere considerate per lo più positive. Molte persone con MCI sono molto consapevoli dei loro problemi di memoria e sono spesso preoccupati di avere demenza. Sapendo che hanno MCI conferma loro che le loro preoccupazioni di memoria sono valide e possono sentirsi rassicurati di sapere che avere MCI non significa necessariamente che svilupperanno la demenza.

Sapere che sono a più alto rischio di sviluppare demenza consente anche alle persone con MCI di pianificare la possibilità che possano deteriorarsi in futuro, di valutare i loro sistemi di supporto e di prendere importanti decisioni legali, finanziarie e personali come le procure. Possono anche adottare misure per stabilire e mantenere uno stile di vita sano.

Il monitoraggio regolare è fondamentale poiché il confine tra le normali difficoltà di memoria legate all’età e la demenza varierà per ogni individuo. Il rilevamento e il monitoraggio di MCI consente di identificare la demenza in una fase precoce. Dato che la maggior parte dei farmaci attualmente utilizzati per trattare la malattia di Alzheimer sono al loro più efficace nelle prime fasi della condizione, identificazione precoce della demenza significa che la persona può fare le loro scelte circa l’assunzione di questo farmaco al momento più ottimale. Le persone possono quindi anche essere assistite con servizi di informazione e supporto.

Come nuovi trattamenti per la demenza diventano disponibili, è probabile che il rilevamento di MCI diventerà ancora più importante. Inoltre, ci si può aspettare che gli approcci per prevenire la demenza siano potenzialmente utili per quelli con MCI.

Grazie al professore associato Michael Woodward per aver esaminato questo materiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.