Lattosio

Intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio è l’incapacità di digerire quantità significative di lattosio, lo zucchero predominante del latte. Questa incapacità deriva da una carenza dell’enzima lattasi, che è normalmente prodotto dalle cellule che rivestono l’intestino tenue. La lattasi scompone il lattosio, lo zucchero del latte, in glucosio e galattosio che possono quindi essere assorbiti nel flusso sanguigno. Quando non c’è abbastanza lattasi per digerire la quantità di lattosio consumata, produrre alcuni sintomi scomodi. Alcuni adulti hanno bassi livelli di lattasi. Questo porta all’intolleranza al lattosio. Il lattosio ingerito non viene assorbito nell’intestino tenue, ma viene invece fermentato dai batteri nell’intestino crasso, producendo volumi scomodi di gas di anidride carbonica. Mentre non tutte le persone carenti di lattasi hanno sintomi, quelli che lo fanno sono considerati intolleranti al lattosio.

546hlattosio.gif

I sintomi più comuni includono nausea, crampi, gonfiore, gas e diarrea, che iniziano circa 30 minuti a 2 ore dopo aver mangiato o bevuto alimenti contenenti lattosio. La gravità dei sintomi varia a seconda della quantità di lattosio che ogni individuo può tollerare.

Fortunatamente, l’intolleranza al lattosio è relativamente facile da trattare controllando la dieta. Nessuna cura o trattamento esiste per migliorare la capacità del corpo di produrre lattasi. I bambini piccoli con deficit di lattasi non devono mangiare alimenti contenenti lattosio. La maggior parte dei bambini più grandi e degli adulti non devono evitare completamente il lattosio, ma gli individui differiscono nelle quantità e nei tipi di alimenti che possono gestire. Il controllo dietetico dell’intolleranza al lattosio dipende dall’apprendimento di ogni persona attraverso tentativi ed errori sulla quantità di lattosio che può gestire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.