La vera storia dietro Mindhunter’s Atlanta Child Murders

Wayne Williams (a sinistra), e Christopher Livingston come Wayne Williams in Mindhunter (a destra). Foto: Getty Images e Netflix

Nella seconda stagione di Mindhunter, David Fincher ei suoi collaboratori scavare in profondità in uno dei crimini più infami della storia americana, un’ondata di omicidi che sarebbe diventato noto come Atlanta child murders. Dal luglio 1979 al maggio 1981, almeno 28 persone nella zona di Atlanta, la maggior parte dei quali ragazzi e adolescenti neri impoveriti, sono stati rapiti e uccisi. Gli scrittori di Mindhunter usano questo caso infame nella loro narrativa semi-fittizia, anche se si attengono strettamente a molti dei fatti, inclusi i veri nomi delle vittime e delle loro famiglie, così come il controverso sospetto al centro di tutto, Wayne Williams. Allora, qual e ‘ la vera storia dietro gli omicidi dei bambini di Atlanta? Analizziamo i fatti e la finzione del caso, compresi i dettagli che Mindhunter non copre e perché la polizia di Atlanta ha riaperto le indagini all’inizio di quest’anno.

Le vittime

La furia omicida iniziò nell’estate del 1979 quando il quattordicenne Edward Hope Smith e il tredicenne Alfred Evans scomparvero. I corpi di entrambi i ragazzi sono stati trovati in un parcheggio libero giorni dopo, anche se Evans non sarebbe stato identificato per più di un anno. In segno di problemi a venire, la scoperta dei loro corpi non ha provocato il panico immediato: “La polizia ha cancellato gli omicidi come legati alla droga e quasi li ha dimenticati”, ha riferito in seguito il Washington Post. Anche quando Milton Harvey, 14 anni, e Yusuf Bell, 9 anni, furono entrambi trovati morti alla fine del 1979 — Il corpo di Bell fu scoperto in una scuola abbandonata, a soli quattro isolati da casa sua — La polizia di Atlanta doveva ancora collegare tutte le sparizioni e gli omicidi insieme.

Nel 1980, il bilancio delle vittime si intensificò. Il dodicenne Angel Lenair è stato assassinato all’inizio di marzo; prima che il suo corpo è stato trovato legato ad un albero, secondo il rapporto Post, la polizia ha insistito per la madre che la ragazza aveva semplicemente scappare di casa. L’undicenne Jeffrey Mathis scomparve dopo, anche se il suo corpo non sarebbe stato trovato fino a quasi un anno dopo. Eric Middlebrooks, età 15, è stato trovato picchiato maggio. Quello stesso mese, Camille Bell (madre di Yusuf), Willie May Mathis (madre di Jeffrey) e Venus Taylor (madre di Angel) organizzarono la prima riunione del Comitato per fermare gli omicidi dei bambini, un gruppo che fece pressione sulla polizia per indagare seriamente su una connessione tra i casi. Ma le sparizioni continuavano a montare: Latonya Wilson di 7 anni e Aaron Wyche di 10 anni a giugno, Anthony Carter di 9 anni e Earl Lee Terrell di 10 anni a luglio. Altri cinque bambini sono scomparsi prima della fine dell’anno; altri sette bambini e sei adulti sono stati uccisi nel 1981. I corpi di alcune vittime sono stati trovati poco dopo la loro scomparsa, mentre altri non sono emersi per mesi. Alcune delle vittime si conoscevano e, come raffigurato su Mindhunter, vivevano solo poche case a parte.

L’indagine

I primi lavori della polizia sugli omicidi di bambini di Atlanta potrebbero essere educatamente definiti incompetenti. Per mesi, gli investigatori hanno rifiutato di credere che le uccisioni fossero persino collegate, e personaggi pubblici hanno esitato a rendere noti i dettagli del caso per paura di come potrebbe danneggiare la reputazione della città.

Mindhunter lascia cadere i suoi personaggi semi-immaginari nel caso attraverso le madri in lutto dietro il Comitato per fermare gli omicidi dei bambini. L’immaginario Holden Ford incontra Camille Bell, interpretato nello spettacolo da June Carryl, in una trama che cattura come lei e altre madri hanno fatto pressione sulla polizia per affrontare i fatti di ciò che stava accadendo nella loro città. La polizia di Atlanta aveva formato una task force con altri investigatori statali a quel tempo, con due agenti dell’FBI che fungevano da collegamento tra i funzionari locali e l’Unità di scienza comportamentale, ma un caso federale doveva ancora essere aperto. Come il vero Bell disse alla gente nel 1980, ” Più parlavamo, scoprimmo che nessuno di noi era stato in grado di convincere la polizia a tenersi in contatto con noi. Non ci richiamavano, non si faceva nulla.”

L’indagine ha finalmente iniziato a diventare seria ad agosto, dopo che il corpo di Clifford Jones, 13 anni, è stato trovato strangolato. Il fatto che Jones provenisse da un’altra città — proveniva da Cleveland e dai parenti in visita — probabilmente ha contribuito a sollevare il calore e portare l’attenzione nazionale sul caso. Dopo 11-year-old Darren Glass è scomparso nel mese di settembre, la sua scomparsa ha portato l’FBI ad aprire un’indagine rapimento, secondo l’ex funzionario dell’FBI Susan Lloyd, sulla base della teoria che il ragazzo è stato preso attraverso i confini di stato. Entro novembre, l “FBI ha aperto un” indagine nota come” ATKID ” e il nightly news è stato regolarmente segnalazione sul caso. Una ricompensa a sei cifre è stata sollevata per aiutare a catturare l’assassino. Migliaia di persone hanno iniziato ad aiutare con le indagini.

Per essere chiari, Mindhunter gioca un po ‘ sciolto con la storia qui. Holden Ford è a terra molto ad Atlanta, incontrando le madri in lutto e guidando le indagini. Le autorità di Atlanta hanno davvero chiamato l’FBI, e gli agenti dell’ufficio hanno effettivamente aiutato a profilare il sospetto e hanno persino visitato tre scene del crimine. Secondo Lloyd, l’ispirazione della vita reale di Ford, John Douglas, arrivò ad Atlanta all’inizio del 1981: “Douglas ha camminato nei boschi di south Atlanta, dove erano stati trovati cinque corpi dei bambini, e ha esaminato i fascicoli del caso. Ha anche fatto affidamento su valutazioni da interviste precedentemente condotte dalla sua unità con 25 assassini seriali e di massa.”Ma non è stato il primo profiler dell’FBI dell’Unità di scienze comportamentali a lavorare sul caso, e il suo approccio differisce in qualche modo dal lavoro molto più on-the-ground ritratto in Mindhunter. Proprio come Ford, però, Douglas credeva che l’assassino fosse una persona di colore, perché, come racconta Lloyd, “una persona bianca non poteva facilmente viaggiare nei quartieri neri senza creare una grande quantità di sospetti.”

Su Mindhunter, il profilo di Ford guida l’indagine, con lo spettacolo in discussione se ha risolto o meno il caso o appuntato gli omicidi sull’uomo sbagliato. Lo spettacolo mette Ford modo più a terra e hands-on di Douglas era nella vita reale, ma l ” aggiunta fittizia serve un importante scopo tematico: Sottolinea come il profiling abbia influenzato enormemente il caso, mostrando anche il pesante coinvolgimento dell’FBI negli ultimi mesi dell’indagine.

Il sospetto

Alla fine del 1980, un cambiamento nel modus operandi del killer ha portato ad una grande rottura. I corpi delle vittime, che fino a quel momento sono stati trovati sulla terraferma, ha cominciato a girare lungo i fiumi vicini; profiler FBI credevano che l ” assassino sperava di lavare via le prove, dopo un documento di Atlanta ha riferito che gli investigatori hanno trovato fibre tappeto e peli di cane sui corpi di molte vittime. L’agente speciale dell’FBI Mike McComas ha proposto per la prima volta di sondare i ponti lungo i fiumi, il che ha portato a appostamenti di una dozzina di ponti nella zona. Come catturato su Mindhunter, uno di questi appostamenti ha portato gli investigatori a Wayne Williams, che è stato fermato dopo che gli agenti di polizia di Atlanta hanno sentito una forte spruzzata nel fiume Chattahoochee la mattina presto di maggio 22.

Il 23enne Williams, i cui investigatori della station wagon avvistarono sul ponte poco dopo aver sentito lo splash, negò ogni coinvolgimento nel caso, sostenendo che era un talent scout che cercava di trovare un cantante di nome Cheryl Johnson, la cui esistenza non poteva mai essere verificata. Due giorni dopo, il corpo asfissiato di Nathaniel Cater, 27 anni, è stato trovato vicino al punto in cui Williams è stato fermato; a giugno, la polizia ha collegato le fibre verdi trovate nella sua casa a un altro degli omicidi. Come dettagliato su Mindhunter, Williams era davvero un promotore musicale che cercava di trovare “il prossimo Michael Jackson”, il che significa che sarebbe forse entrato in contatto con ragazzi della fascia di età delle vittime. Il 21 giugno, è stato arrestato per gli omicidi di Cater e Jimmy Ray Payne, 22 anni.

L’FBI ha appena trovato qualcuno che si adatta al profilo di Douglas, o hanno effettivamente catturato l’uomo giusto? Douglas stesso ha aggiunto al carburante per il dibattito nei giorni dopo l “arresto di Williams, dicendo alla stampa che Williams” sembra abbastanza buono per una buona percentuale degli omicidi.”(Come Douglas racconta nel suo libro Mindhunter, fu in seguito censurato dall’FBI per questa affermazione.) Questa teoria ha rapidamente preso fuoco, con la Costituzione di Atlanta che ha pubblicato una storia con il titolo, “FBI Man: Williams potrebbe aver ucciso molti”.

Williams negò qualsiasi connessione con uno qualsiasi degli omicidi, mantenendo la sua innocenza attraverso un processo strettamente sorvegliato che iniziò nel gennaio 1982. I pubblici ministeri hanno costruito il loro caso attorno a “un gran numero di fibre dalla casa e dall’auto di Williams, comprese le fibre del tappeto verde-giallastro trilobale, un copriletto e una coperta gialla dalla camera da letto di Williams, e peli di cane dal pastore tedesco di razza mista della famiglia”, scrive Lloyd. “Diciannove diverse fonti di fibre e peli sono state abbinate a fibre su un certo numero di vittime.”Tuttavia, nonostante abbia presentato prove dagli altri omicidi, Williams è stato accusato solo degli omicidi di Cater e Payne. Il processo si è concluso con una condanna il 27 febbraio; Williams è stato condannato a due ergastoli consecutivi. Poco dopo, gli investigatori attribuirono a Williams la stragrande maggioranza degli omicidi irrisolti. Ma la polemica era appena iniziata.

Il caso riaperto

Nei decenni trascorsi dal processo, la convinzione che Williams non fosse responsabile di tutti gli omicidi di bambini di Atlanta è cresciuta notevolmente, con persino alcuni parenti delle vittime che professavano la sua innocenza. Il senso che Holden Ford possa aver aiutato a condannare Williams semplicemente a causa di quanto si adatta a un profilo è palpabile nelle scene di chiusura della seconda stagione di Mindhunter, lasciando gli spettatori a mettere in discussione esattamente cosa è successo e se l’indagine è andata male. Il tema del dubbio si intreccia per tutta la stagione: il dubbio che Bill Tench ha in suo figlio, il dubbio sulla colpevolezza di persone come Tex Watson e Elmer Wayne Henley, e il dubbio che il caso di Atlanta sia stato davvero risolto. Se la prima stagione di Mindhunter riguardava la ricerca della certezza, la seconda riguarda la frequenza con cui ciò rimane fuori dalla portata.

Nessun sospetto è mai stato accusato per nessuno degli omicidi di bambini di Atlanta — Cater e Payne erano entrambi adulti — e Williams rimane in prigione fino ad oggi. Cinque dei casi sono stati ufficialmente riaperti nel 2005, tra cui la morte di Aaron Wyche, anche se tali indagini sono stati riferito caduto di nuovo nel 2006. La CNN ha pubblicato un documentario nel 2010 che includeva un’intervista con Williams, che continua a mantenere la sua innocenza.

Lo scorso marzo, il sindaco di Atlanta Keisha Lance Bottoms e il capo della polizia di Atlanta Erika Shields hanno annunciato che i funzionari statali e locali riesamineranno le prove nel caso. Stanno anche esaminando altri casi dell’era che potrebbero essere correlati: secondo il New York Times, gli investigatori stanno esaminando una finestra di 15 anni, dal 1970 al 1985, durante la quale 157 bambini sono stati uccisi, incluse le vittime precedentemente note nel caso.

In particolare, Douglas stesso non pensa che Williams abbia commesso tutti i crimini. Nel 1995, ha scritto nel suo libro Mindhunter, ” Nonostante ciò che i suoi detrattori e accusatori sostengono, credo che non ci siano prove forti che lo colleghino a tutte o anche alla maggior parte delle morti e sparizioni di bambini in quella città tra il 1979 e il 1981. Giovani bambini in bianco e nero continuano a morire misteriosamente ad Atlanta.”

Una delle scene più agghiaccianti della seconda stagione di Mindhunter si verifica quando un agente di polizia, interpretato da Brent Sexton, suggerisce che altri criminali potrebbero anche uccidere giovani ragazzi neri perché sanno che gli omicidi saranno coinvolti nella visione di Ford di un singolo autore. (Nel 1985, la rivista Spin pubblicò un pezzo che suggeriva che il Klu Klux Klan era dietro molti degli omicidi e che le autorità lo sapevano e lo coprivano. E se Wayne Williams fosse solo il capro espiatorio di qualcun altro? I profiler dell’FBI hanno risolto gli omicidi di bambini di Atlanta o hanno aiutato a negare giustizia a dozzine di genitori in lutto? Forse non lo sapremo mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.