La polizia di Jersey City ha presentato 608 rapporti sull’uso della forza, in crescita del 229% in un anno, nel 2019, i record mostrano

Il Dipartimento di polizia di Jersey City ha presentato 608 rapporti sull’uso della forza lo scorso anno, con un aumento di quasi il 229% rispetto al 2018, secondo i dati ottenuti da Hudson County View.

Di Corey McDonald / Hudson County View

Secondo i record ottenuti attraverso una richiesta Open Public Records Act-che ha richiesto oltre sette mesi per soddisfare-gli ufficiali con il JCPD hanno usato la forza 608 volte nel 2019: un drammatico aumento da 2018 di 266 ha riportato incidenti di forza che è un’anomalia rispetto ai dati compilati da altri cinque anni dell’ultimo decennio.

Sulla base del database use-of-force di NJ Advance Media pubblicato nel 2018, il numero di rapporti use of force di Jersey City si aggirava intorno a 200 tra il 2012 e il 2016.

Mentre i dati non erano disponibili per il 2017, i rapporti di NJ Advance Media mostrano che il JCPD ha utilizzato la forza 266 volte nel 2016; 202 volte nel 2015; e 219 volte nel 2014.

L’ufficio del Procuratore generale dello Stato richiede agli agenti di polizia di segnalare tutto ciò che potrebbe essere considerato una manovra aggressiva, inclusa ogni presa di conformità, calcio, pugno o arma sparata – così come l’uso di manganelli e taser – tra le altre azioni.

In 2018, gli esperti hanno descritto l’uso della città del tasso di forza per NJ Advance Media come “notevolmente basso.”

Oggi, città portavoce Kimberly Wallace-Scalcione ha detto che” anticipato un aumento significativo “a seguito del dipartimento di polizia della città” l’attuazione di linee guida di reporting più severe accoppiato con una definizione più ampia di ciò che costituisce la forza.”

Ha detto che sotto il capo della polizia Michael Kelly, che ha assunto l’incarico a gennaio 2018, sono state implementate tre politiche che hanno inevitabilmente portato a numeri gonfiati per una maggiore trasparenza e una maggiore sicurezza pubblica.

” In primo luogo, ogni ufficiale a livello di dipartimento è stato riqualificato sulle definizioni più severe e ampliato i requisiti di reporting che si sono ampliati per includere qualsiasi incidente in cui viene effettuato il contatto fisico-anche se un ufficiale sta assistendo pacificamente una persona emotivamente disturbata in un’ambulanza, per esempio”, ha detto.

In secondo luogo, Wallace-Scalcione ha indicato che i rapporti sull’uso della forza sono ora archiviati online, rendendoli “più facili da tracciare e rivedere.”

E, infine, i sergenti sono ora tenuti a riferire a tutte le scene di arresto, “che genera più supervisione per garantire che i rapporti di forza vengano archiviati con precisione e non siano più sotto la discrezione degli ufficiali”, ha concluso il funzionario della città.

La questione dell’uso della forza da parte della polizia ha visto una rinnovata attenzione nell’ultimo mese dopo che George Floyd, un uomo di colore, è stato ucciso da un agente di polizia bianco, Derek Chauvin, a Minneapolis il 25 maggio.

L’uccisione di Floyd ha scatenato un’ondata di proteste nazionali in dozzine di stati che sono in corso da più di tre settimane.

Migliaia di persone si sono radunate in tutto il North Jersey, tra cui Hoboken, Jersey City e North Bergen, per chiedere la fine della brutalità della polizia contro gli afroamericani.

I dati dello scorso anno ora collocano Jersey City, la seconda città più grande del New Jersey dietro Newark, tra i comuni con il più alto numero di incidenti di forza, sulla base del database di NJAM use-of-force.

Camden ha avuto il più alto numero singolo anno di uso della forza nel 2014 con 845, il database mostra. Nel 2014, Atlantic City ha registrato 529 usi della forza, che poi è sceso a 316 nel 2016. E Newark ha registrato 575 usi della forza nel 2016, secondo i record del database, con un massimo di 607 nel 2013.

I raduni e le proteste nella comunità sono culminati in residenti che chiedono alla città di riprioritare il bilancio della città sottraendo fondi al dipartimento di polizia e all’ufficio di pubblica sicurezza della città e riallocandoli ai servizi sociali.

Questa iniziativa è stata comunemente chiamata “defunding the police” da attivisti e cittadini in tutto il paese.

Il budget della polizia della città è di circa million 112 milioni, quasi il 20% del bilancio comunale 2020 e il 43% del budget salariale della città. L’intero piano di spesa per Jersey City è stimato in circa million 612 milioni.

Sulla base dei dati di bilancio attuali, la città ha preventivato salaries 109,9 milioni, o il 43 per cento dei salaries 258 milioni della città per gli stipendi della città, per il loro dipartimento di polizia.

I funzionari eletti locali, nel frattempo, hanno messo avanti diversi modi per frenare la brutalità della polizia e tenere gli ufficiali responsabili.

Il presidente del Consiglio Joyce Watterman ha sponsorizzato una risoluzione durante la riunione del consiglio del 10 giugno per formare un comitato ad hoc per rivedere le politiche e le procedure del Dipartimento di polizia di Jersey City che sarebbero composte da nove a 12 membri.

Ward E consigliere James Solomon, nel frattempo, ha definito l’attuale bilancio — e la sua assegnazione verso gli stipendi della polizia — “inaccettabile”, che ha spinto una risposta acuta da Fulop, che ha detto che il consigliere era “pesante sulle banalità … ma leggero sulla sostanza.”

All’inizio di questo mese, Fulop ha propagandato le modifiche del JCPD all’uso degli ordini di forza dopo che il presidente Barack Obama (D) ha invitato i sindaci di tutto il paese a impegnarsi a riformare i loro dipartimenti di polizia.

In una dichiarazione, Wallace-Scalcione ha dichiarato che la città è stata “la prima a designare un sergente degli affari interni che ha un duplice ruolo di analista di forza e coordinatore del sistema di allarme precoce.”

“Il sergente esamina ogni singolo rapporto sull’uso della forza e analizza i rapporti generali giornalieri archiviati per garantire che i rapporti di forza siano archiviati quando garantiti”, ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.