La pistola che ha sparato a Lincoln

Il cuscino macchiato di sangue che ha ammortizzato la testa di Abraham Lincoln e la .44-calibro “pocket cannon” che ha sparato il colpo fatale sono ciò che più affascina i visitatori di Ford Theatre National Historic Site a Washington, DC, come immaginano gli eventi del 14 aprile 1865. Alle 10:15 circa, cinque giorni dopo che il generale Robert E. Lee si arrese al generale Ulysses S. Grant, l’attore John Wilkes Booth entrò nella scatola del teatro dove Lincoln e sua moglie stavano guardando il nostro cugino americano, scivolò il derringer da 5,87 pollici dalla tasca e sparò alla testa di Lincoln.

Pistola che ha sparato a Lincoln

“Non è tanto la pistola che affascina le persone, ma piuttosto che Booth l’ha usata per cambiare il corso della storia del paese”, dice Gloria Swift, curatrice del museo al Ford Theatre. “Guardando la pistola, non puoi fare a meno di chiederti cosa sarebbe stato, se la tragedia non si fosse verificata. Ci sono indicazioni che Lincoln potrebbe essere stato gentile a Sud durante un periodo di ricostruzione, ma dopo l’assassinio, il Nord è venuto giù con una vendetta.”

Centotrentadue anni dopo la morte di Lincoln, una nota bizzarra fu aggiunta alla storia della pistola. Nel 1997, l’FBI è stato chiamato per autenticare la pistola dopo che un criminale di carriera ha affermato che i membri della sua banda avevano rubato il deringer durante la fine degli anni ‘ 60 e lo hanno sostituito con un falso.

Il proiettile di piombo rimosso dalla testa di Lincoln era così gravemente corroso che abbinarlo alla pistola era fuori questione. Così l’unità fotografica speciale dell’FBI sovrappose le foto storiche scattate dal deringer durante gli anni ‘ 30 con la pistola reale al Teatro di Ford, abbinando i modelli di turbinio nel grano di noce nero del calcio, segni di fossa sulla canna e una crepa nella foresta. La pistola è sicuramente di Booth.

*Il National Park Service supervisiona più di 100 milioni di oggetti storici e pezzi da museo. Per saperne di più sugli oggetti unici conservati all’interno dei parchi nazionali, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.