Il dolcificante artificiale aspartame causa il cancro?

L’aspartame, il dolcificante artificiale nella maggior parte delle bibite dietetiche, è stato accusato di malattie e problemi di salute come sclerosi multipla, cancro e difetti alla nascita. Ma un tuffo profondo nella controversia rivela una reputazione rovinata da scienziati inetti e panico basato su sentito dire.

l'aspartame causa il cancro?

È opinione diffusa che l’aspartame, il principale dolcificante artificiale nella maggior parte delle bibite dietetiche (a marchio Nutrasweet® e Equal®), sia pericoloso. E ‘ quasi un fatto di famiglia.

Aspartame Effetti collaterali: Realtà o finzione?

Ma se chiedi a una manciata di amici perché l’aspartame è un male per te, tutti potrebbero offrire una risposta diversa. L’Aspartame è stato associato con una vasta gamma di malattie e condizioni, tra cui:

  • la sclerosi Multipla
  • lupus
  • Metanolo tossicità
  • la Cecità
  • Spasmi
  • dolori lancinanti
  • Sequestri
  • mal di testa
  • Depressione
  • Ansia
  • la perdita di Memoria
  • Cancro

…Oh! Pensavi che avessi finito? AH! Non dimenticare

…difetti alla nascita e morte.

Per un solo articolo della serie sui dolcificanti artificiali, daremo un’occhiata alla storia dei dolcificanti.

Quando si tratta di aspartame, la storia è troppo bella da trascurare. Ha tutto: scienziati corrotti, ricerche falsificate, una cospirazione reale ed esperti che non esistono.

Ma se non hai tempo di scendere nella tana del coniglio con me su questo, risponderò alla tua domanda in anticipo: attualmente, non vi è alcun motivo valido per pensare che il dolcificante artificiale comune, l’aspartame, sia dannoso in dosi ragionevoli.

Secondo l’American Chemical Society (un’organizzazione indipendente di chimici che pubblica circa 50 riviste accademiche), se volessi ingerire un livello pericoloso di aspartame “dovresti consumare 97 bustine di zucchero di aspartame o più di 17 lattine di soda dietetica in meno di 24 ore.”

Grandi dosi di 50 e 40 mg/kg p.c./giorno di aspartame è considerato sicuro dalle seguenti agenzie governative e dai principali esperti:

  • la Food and Drug Administration (FDA)
  • Center for Disease Control (CDC)
  • US Government Accountability Office (GAO)
  • La European Food Safety Authority (EFSA)
  • il National Cancer Institute (NIH)
  • American Chemical Society (ACS)
  • Agenzia per la Protezione Ambientale (EPA)
  • Health Canada
  • Europeo, il Comitato Scientifico dell’alimentazione umana (SCF)
  • la Food Standards Australia New Zealand (FSANZ)

Nonostante l’enorme corpo di ricerca sull’aspartame (che la FDA viene descritto come “esaustivo”, che è un ottimo esempio di un omonimo), così come i molti organismi di regolamentazione che governano l’aspartame sicuro, stiamo ancora mettendo in discussione la sua sicurezza.

Perché questo problema non morirà? Probabilmente perché una rapida ricerca su Google potrebbe convincerti che l’aspartame appartiene a una lunga lista chiamata “Merda che non dovrebbe essere nella soda”, proprio accanto alla cocaina.

effetti collaterali dell'aspartame

Convulsioni? Aumento di peso? ADHD? CANCRO?!?

Rilassati.

Un attento esame della controversia non rivela un additivo canceroso che avvelena una nazione.

Ma spiega perché ne stiamo ancora parlando oggi. Tra bufale di Internet, ricerche fuorvianti e possibili conflitti di interesse, è facile capire perché la gente compra nella cospirazione.

Comprendere il contesto: la bizzarra relazione dell’Aspartame con la FDA

1879-1969: Il ciclamato, un diverso dolcificante artificiale, arriva sul mercato ed è presto collegato al cancro

Nel 1879, i ricercatori della Johns Hopkins University scoprirono la saccarina, un dolcificante artificiale 300 volte più dolce dello zucchero.

Nel 1907, la saccarina veniva utilizzata nei prodotti in scatola. Nonostante un periodo di 5 anni, mentre la saccarina è stato vietato come additivo, in gran parte volato sotto il radar per i prossimi 43 anni.

Ma il regno della saccarina si dissipò quando il ciclamato, un altro dolcificante artificiale comunemente noto come Sweet ‘n Low, fu approvato dalla FDA, nel 1950.

Ma nel 1969, la FDA ha vietato il ciclamato quando i test hanno trovato che ha causato tumori alla vescica nei ratti da laboratorio. Solo 8 anni dopo, uno studio canadese ha poi collegato la saccarina al cancro della vescica nei ratti. La saccarina e il ciclamato sono entrambi considerati sicuri oggi.

Nonostante la raccomandazione della FDA di vietare la saccarina, il Congresso ha annullato le restrizioni. La saccarina ha nuovamente monopolizzato il mercato.

E se ti stai chiedendo perché sto parlando di saccarina, è perché ha dato il tono all’aspartame: gli anni ‘ 70 erano già scettici nei confronti dei dolcificanti artificiali e della capacità del governo di regolarli.

1974: La caduta della saccarina e l’ascesa dell’aspartame

L’aspartame fu scoperto quando un ricercatore inspiegabilmente decise di assaggiare un composto chimico che stava studiando nel suo laboratorio, ricordando in seguito “Mi leccai il dito e aveva un buon sapore.”

Yikes. A volte la stupidità porta alla scoperta.

James Schlatter stava effettivamente lavorando su un farmaco anti-ulcera. Alla scoperta dell’aspartame, il suo capo, GD Searle, accettò di produrre aspartame.

Ricorda il nome Searle, perché se c’è un cattivo qui, è sicuramente lui. Probabilmente e ‘ lui il no. 1 motivo aspartame ha ancora una cattiva reputazione.

Nel 1974, Searle ha presentato 150 studi sull’aspartame alla FDA. Sulla base di tali studi, la FDA ha concluso che 1,3-1,7 grammi al giorno erano considerati sicuri.

Ora, sta per diventare strano.

1977: pratiche di ricerca scadenti e studi fasulli creano incertezza sulla competenza FDA

l'aspartame è approvato dalla fda

Prima che l’aspartame colpisse il mercato, l’integrità degli studi offerti alla FDA venne messa in discussione.

In risposta, una task force della FDA e un gruppo di patologi accademici hanno esaminato alcuni degli studi di Searle. Si scopre che Searle è uno scienziato terribile e un tizio davvero inaffidabile.

Hanno scoperto che i risultati di uno studio di tossicità di 52 settimane nella scimmia infantile erano falsamente ritenuti conclusivi.

Lo studio avrebbe dovuto eseguire test cognitivi su scimmie che hanno ingerito aspartame per 365 giorni e poi sono state restituite alla loro dieta normale. Dopo, il loro tessuto cerebrale doveva essere esaminato per eventuali modifiche.

Lo studio mancava di un gruppo di controllo, il campione era piccolo (solo 7 studi sulle scimmie), una scimmia morì dopo 300 giorni, due scimmie cessarono di ricevere aspartame dopo 200 giorni e fu esaminato solo un campione di tessuto.

I risultati di questo studio sciatto e mal progettato difficilmente potrebbero essere definiti conclusivi.

Un secondo studio che doveva essere uno studio di tossicità di 104 settimane sull’aspartame nei criceti è stato terminato dopo sole 46 settimane.

A 26 settimane,il 30% dei criceti del gruppo control e aspartame era morto. A quel tempo i tecnici dovevano raccogliere esami del sangue dai criceti.

Oltre ai criceti morti, c’era anche un problema con la metodologia del tecnico. C’era qualcosa che non andava nei test. Quando Searle si rese conto che c’era un problema, erano 38 settimane nello studio.

Quindi ha semplicemente preso i livelli di glucosio da un gruppo sostitutivo di criceti e ha riportato i loro livelli per i livelli di 26 settimane.

Dopo aver esaminato questi studi, tra gli altri, la task force ha concluso che erano necessarie ulteriori ricerche.

Il capo di quella task force, Adrian Gross, ha persino rimproverato la FDA, affermando: “Al centro del processo normativo della FDA c’è la sua capacità di fare affidamento sui dati di sicurezza di base presentati…la nostra indagine lo dimostra chiaramente…non abbiamo alcuna base per tale affidamento ora.”

Ma quanto abbiamo effettivamente imparato da questa sentenza? Certamente, è chiaro che Searle era terribile nel suo lavoro o moralmente compromesso (forse entrambi?). Probabilmente stava correndo i risultati in modo da poter spingere l’aspartame attraverso l’approvazione della FDA e nel processo, presumibilmente falsificato i risultati. Aveva anche un vero disprezzo per la vita dei suoi soggetti di prova. In poche parole, il pannello ha dimostrato che Searle era un vero truffatore. Ma non hanno imparato che l’aspartame era pericoloso.

Non solo la metodologia di Searle era sospetta, ma anche la sua squadra.

Il procuratore federale degli Stati Uniti Samuel Skinner è stato incaricato delle indagini sugli studi di Searle.

Eppure Skinner lasciò la sua posizione nel bel mezzo della sua indagine per unirsi a uno studio legale che, per inciso, rappresentava anche Searle. L’indagine è stata bloccata e il processo è stato infine buttato fuori.

Nel 1977, Donald Rumsfeld divenne il CEO di G. D. Searle& Co. Nel 1981, ha nominato Dr. Arthur Hull Hayes Jr. come nuovo commissario della FDA. Poche settimane dopo, hanno presentato una rivalutazione dell’aspartame e Hayes ha approvato la sostanza per il consumo umano.

Yikes.

1981: Nonostante i possibili conflitti di interesse, le regole del GAO la FDA ha seguito il protocollo

In parte a causa delle azioni di Searle, Rumsfeld, Skinner e Hayes, nel 1987 l’US Government Accountability Office (GAO) ha esaminato la sentenza della FDA sull’aspartame.

Hanno scoperto che nonostante le circostanze ridicole, la FDA ha seguito correttamente il protocollo. Poiché non hanno esperienza medica, non hanno fatto alcuna pretesa sulla sicurezza dell’aspartame.

1987 Rapporto GAO aspartame

Tuttavia, il CDC ha fatto. Dopo aver esaminato 517 reclami circa l’aspartame, il CDC “identificato nessuna specifica costellazione di sintomi chiaramente correlati al consumo di aspartame…

Nonostante la grande varietà in generale, la maggior parte di frequentemente segnalati sintomi sono lievi e sono sintomi che sono comuni nella popolazione generale.

Mentre alcuni rapporti sono indubbiamente dovuti alla coincidenza dei sintomi e del consumo di aspartame, e altri possono essere dovuti alla suggestionabilità di alcune persone, altri ancora possono essere attribuibili ad alcune sensibilità ancora indefinite di alcuni individui all’aspartame in quantità comunemente consumate.

L’unico modo in cui queste possibilità possono essere valutate a fondo sarebbe attraverso studi clinici mirati.”

La revisione del CDC ha suggerito che, sebbene ci fossero lamentele sull’aspartame, le lamentele erano così varie o comuni che era impossibile per loro collegare l’aspartame con qualsiasi sintomo, suggerendo che fossero condotte ulteriori ricerche.

1990: ricerche mal condotte e bufale su Internet causano panico diffuso

Nel 1996, uno studio pubblicato sul Journal of Neuropatology and Experimental Neurology ha rinnovato la paura pubblica.

I ricercatori hanno mostrato una dubbia relazione tra un aumento del cancro al cervello e il consumo di aspartame mostrando un grafico dei tassi in aumento dal 1975 al 1992.

è aspartame male per te

Come puoi vedere, questo grafico mostra che i tassi di tumori cerebrali sono aumentati dal 1975 al 1992. Non mostra molto altro.

In effetti, sarebbe il turno degli eventi se un prodotto non ancora sul mercato aumentasse il cancro al cervello (l’aspartame non è stato approvato per il consumo fino al 1981).

In verità, la quantità di possibili correlazioni con l’aumento dei tassi di tumore è infinita, tra cui durate più lunghe, maggiore precisione e maggiori livelli di reporting. Olney avrebbe dovuto collegare il cancro al cervello per ABBA e pattini a rotelle, dal momento che quelli erano popolari negli anni ” 70, pure.

E poi…proprio quando pensavi che non potesse essere piu ‘ assurdo…Nancy Markle ha colpito internet.

Questo non è uno studio, ma spiega perché l’aspartame è stato collegato a quasi ogni singolo disturbo noto all’uomo.

Ah, anni ‘ 90. È difficile ricordare di un tempo in cui eravamo tutti così creduloni. Ma quel tempo esisteva. E se stavi usando un computer nel 1999, potresti aver visto questa lettera, da Nancy Markle:

nancy markle aspartame

Markle, che afferma di essere stata alla Conferenza mondiale sull’ambiente sull’ASPARTAME, continua a rivelare ciò che ha imparato sulla “malattia dell’aspartame.”

In due pagine di testo, Trattamenti link aspartame, il lupus sistemico, metanolo tossicità, la fibromialgia, spasmi, dolori lancinanti, intorpidimento delle gambe, crampi, vertigini, giramenti di testa, mal di testa, acufeni, dolori articolari, depressione, attacchi di ansia, difficoltà di parola, visione offuscata, perdita di memoria, la cecità, il morbo di Parkinson, difetti di nascita, aumento di peso, problemi neurologici, convulsioni, e, naturalmente, la morte.

Markle offre anche queste immagini spiacevoli:

“Quando fuori aspartame, la loro perdita di peso media era di 19 sterline a persona. La formaldeide immagazzina nelle cellule adipose, in particolare nei fianchi e nelle cosce.”

La gente era fuori di testa. “Vuoi dire che le mie cosce sono piene di sacche di grasso di formaldeide!?!?!?!?!?!?”

Sembra che l’unica cosa per cui Markle non ha blame aspartame fosse la perdita dei capelli.

Anche se, lei ha sostenuto che “‘Gli ingredienti stimolano i neuroni del cervello a morte.'”

PORCA TROIA!

Aspetta, ecco l’accordo: la Conferenza mondiale sull’ambiente sull’aspartame non ha mai avuto luogo e Nancy Markle non esisteva. Ma questo non era qualcosa per cui gli utenti di Internet non esperti degli anni ‘ 90 erano preparati.

Poco dopo, oltre 6.000 articoli (che era un sacco di siti web negli anni ‘ 90) spuntato riferimento lupus e la conferenza fittizia.

E a causa dell’assurda quantità di sintomi della “malattia di aspartame”, tutti erano convinti di essere stati avvelenati.

cosa fa l'aspartame al tuo corpo

Aspartame: merita la sua cattiva reputazione?

La controversia dell’aspartame è difficile da dare un senso in parte perché il pubblico deve separare la ricerca e la sostanza chimica dai sicari che ne hanno tratto profitto.

Searle probabilmente falsificato prove. La partenza di Skinner ha sicuramente influito sull’indagine. Rumsfeld potrebbe aver usato la sua influenza politica per assumere Haynes. E Haynes potrebbe essere stato motivato ad approvare l’aspartame a causa di un quid pro quo per la sua posizione.

Nonostante il modo in cui tali informazioni si riflettono sull’aspartame, ciò che non può rivelare è se l’aspartame è effettivamente sicuro. Nessuna quantità di cattivo comportamento cambierà il modo in cui l’aspartame interagisce chimicamente.

Quindi, teorie cospirative e scagnozzi messi da parte, cosa dice in realtà la ricerca?

Parte 2: Studi italiani collegano l’aspartame al cancro nei roditori. Dovremmo preoccuparci?

l'aspartame causa la malattia diesease

L’aspartame è collegato al cancro nei roditori, ma la maggior parte degli scienziati non lo considera un cancerogeno umano.

Nel 2006, Morando Soffritti e colleghi del Centro di ricerca sul cancro Cesare Maltoni di Bologna, in Italia, hanno pubblicato uno studio che confronta gli effetti a lungo termine dell’ingestione di aspartame nei ratti.

Hanno concluso che l’aspartame potrebbe causare il cancro nei ratti in dosi che erano “molto vicine a quelle a cui gli esseri umani possono essere esposti.”

Nel 2010, Soffritti ha pubblicato un secondo studio sui ratti, sostenendo che i risultati” confermano che è un agente cancerogeno ” nei roditori.

Uno sguardo più da vicino allo studio Soffritti

Lo studio del 2005 di Soffritti ha alimentato gruppi di 100-150 ratti maschi e femmine aspartame da 8 settimane fino alla morte.

I ratti hanno ricevuto concentrazioni di 100,000; 50,000; 10,000; 2,000; 400; 80; e 0 ppm per simulare l’assunzione giornaliera assunta dagli esseri umani di 5,000; 2,500; 500; 100; 20; 4; e 0 mg / kg di peso corporeo. Dopo la loro morte naturale, fu completata una necroscopia e un esame.

Risultati:

Soffritti e il team hanno concluso che l’aspartame “è un composto cancerogeno multi-potenziale” a dosi inferiori ai limiti superiori sicuri di 40 e 50 mg / kg di peso corporeo nell’uomo (l’equivalente di circa 10 lattine di soda dietetica al giorno). Lo studio ha rilevato:

  • Un aumento dei tumori maligni ” e una differenza statisticamente significativa nelle femmine trattate a 50.000 ppm compared rispetto ai controlli.”
  • Un aumento dell’iperplasia dell’epitelio olfattivo con un significativo trend positivo nei maschi e nelle femmine…;
  • Un aumento dell’incidenza di carcinomi della pelvi renale e dell’uretere in femmine
  • Una dose-correlati aumentata incidenza di schwannomi maligni dei nervi periferici
  • Una dose-correlati aumentata incidenza di linfomi-leucemie è stato osservato, con un significativo trend positivo per i maschi…le femmine. Rispetto ai gruppi di controllo, è stata osservata una differenza statisticamente significativa nelle donne trattate a dosi di doses”
  • Infine, hanno anche riportato neoplasie cerebrali sparse osservate nei gruppi trattati (tra maschi e femmine), mentre nessuna è stata trovata nei gruppi di controllo.

Soffritti conclude che l’aspartame potrebbe essere cancerogeno a livelli intorno a 20 mg / kg di peso corporeo nell’uomo, e chiede una “revisione urgente delle presenti linee guida sull’uso e il consumo di aspartame.”

Lo studio di Soffritti del 2010 ha valutato sei gruppi di 62-122 topi svizzeri maschi e femmine.

Sono stati nutriti con aspartame in dosi di 32.000, 16.000, 8.000, 2.000 o 0 ppm dalla vita prenatale (12 giorni di gestazione) fino alla morte.

Come lo studio del 2006, alla morte i topi sono stati sottoposti a necroscopia completa.

I ricercatori hanno concluso che l’aspartame induce il cancro nei fegati e nei polmoni dei topi svizzeri maschi.

Critica dello studio Soffritti

Nonostante la scala impressionante, gli studi Soffritti hanno ricevuto una critica diffusa. Forse non sorprende che la critica includesse recensioni finanziate da produttori di aspartame e agenzie affiliate.

Ma le critiche più forti sembravano provenire dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

Nella valutazione del 2011 sul 2010, Soffritti studio, l’EFSA ha concluso che vi è una “mancanza di rilevanza umana e valutazione del rischio di tipo di tumori osservati nei topi Svizzeri” e che “sulla base delle informazioni disponibili nella pubblicazione, la validità dello studio…non può essere valutato.”

In un successivo rapporto del 2013, descritto come” la più completa valutazione del rischio di aspartame mai intrapresa”, l’EFSA ha riaffermato la propria posizione sull’aspartame.

Allora, perché questa agenzia governativa di regolamentazione ha ignorato gli studi di Soffritti?

Specie a rischio di malattie respiratorie croniche

Secondo l’EFSA, i topi svizzeri hanno un tasso di incidenza più elevato nei tumori epatici e polmonari rispetto a quanto riportato da Soffritti et al.

L’EFSA ha anche sottolineato che i tumori epatici e polmonari nei topi non sono generalmente considerati rilevanti per la valutazione del rischio umano.

La durata della vita del ratto troppo lunga

I fautori di entrambi gli studi sostengono che la ricerca meritava più peso rispetto ad altri studi perché permetteva ai ratti di vivere la loro vita. Essi sostengono che gli studi che i ratti autopsia a due anni non consentono abbastanza tempo per il cancro a crescere.

Ma l’EFSA sostiene che “gli animali più anziani sono più suscettibili alle malattie…che include tumori spontanei.”

Affermano inoltre che ” questi attributi possono differire tra gli animali trattati e quelli di controllo; quindi, è molto difficile collegare causalmente i tumori negli animali trattati al trattamento o ad alcuni fattori intermedi.”

John Bucher, vice direttore del programma di tossicologia ambientale presso l’Istituto nazionale di scienze della salute ambientale degli Stati Uniti, osserva che l’analisi statistica è “problematica” perché è difficile confrontare gli animali che sono morti in età diverse.

Critica dei tumori indotti dal metanolo

Dopo l’ingestione, l’aspartame si scompone in due amminoacidi, fenilalanina e acido aspartico, oltre al metanolo.

Soffritti ha ipotizzato che il metabolita dell’aspartame, il metanolo, possa aver avuto un ruolo nello sviluppo dei tumori.

I sostenitori dell’aspartame sostengono che, poiché il metanolo si trova naturalmente nei succhi di frutta e nelle bevande alcoliche in quantità superiori rispetto all’aspartame, i consumatori non dovrebbero preoccuparsi del consumo extra di metanolo.

La maggior parte delle ricerche suggerisce che l’aspartame non causa il cancro

Nonostante le preoccupazioni teoriche riguardanti la ripartizione dell’aspartame, la maggior parte della comunità scientifica sembra essere d’accordo sul fatto che l’aspartame è sicuro alle dosi raccomandate.

Una revisione del 2004 negli Annali di Oncologia ha dichiarato che rispetto alla letteratura attuale, non c’è motivo di essere preoccupati. I ricercatori hanno concluso,

“Nonostante alcune ipotesi piuttosto non scientifiche, non ci sono prove che l’aspartame sia cancerogeno…secondo la letteratura attuale, il possibile rischio di dolcificanti artificiali per indurre il cancro sembra essere trascurabile.”

Nel 2006, il NCI ha esaminato i dati umani dello studio NIH-AARP Diet and Health di oltre mezzo milione di partecipanti.

L’aumento del consumo di bevande contenenti aspartame non è stato associato allo sviluppo di linfoma, leucemia o cancro al cervello.

Una recensione del 2008 dell’Università del Maryland ha concluso che “Soffritti et al. (2007) non ha fornito prove convincenti della cancerogenicità dell’aspartame.”Tuttavia, questi autori hanno ricevuto il pagamento da un produttore di aspartame.

Nel 2010, uno studio cross over randomizzato in doppio cieco indipendente ha confrontato 48 individui che si sono auto-segnalati alla sensibilità all’aspartame con 48 partecipanti non sensibili.

Ogni gruppo ha ingerito casualmente cibo con aspartame 100mg. I ricercatori hanno concluso che ” non c’era evidenza di eventuali risposte avverse acute all’aspartame.”

Il Programma nazionale di tossicologia (NTP) ha eseguito una revisione 2013 delle prove epidemiologiche. Il NTP inoltre non ha trovato associazione coerente fra l’uso di aspartame ed il cancro.

Considerazioni finali su Aspartame

È facile capire perché alcune persone sono nervose per l’aspartame.

La sua storia controversa in coppia con la sua popolarità ha lasciato scrutato dal 1970. E non è diventato meno popolare.

Nel 2010, un quinto di tutti gli americani ha bevuto una soda dietetica in un dato giorno.

Non solo la storia antica dell’aspartame alimenta le teorie del complotto, ma il fatto che molti dei sostenitori dell’aspartame sono affiliati a NutraSweet.

Molti studi che confutano il legame dell’aspartame con il cancro sono finanziati da o affiliati a NutraSweet. E mentre questo può essere sconcertante, è importante chiarire che solo perché uno studio è finanziato da una società non necessariamente screditare i risultati.

È logico-anche responsabile-che un’azienda che vende un prodotto sia in prima linea nella ricerca su quel prodotto. Tuttavia, i ricercatori hanno notato una tendenza tra fonte di finanziamento e conclusione.

E sembra che NutraSweet non possa aiutare se stesso.

I siti web intenzionalmente ingannevoli affiliati ai dolcificanti artificiali appaiono come siti sanitari indipendenti.

Ad esempio, il Consiglio per il controllo delle calorie (spesso indicato come il CCC per farlo sembrare un’agenzia governativa) è un gruppo commerciale per i produttori di dolcificanti artificiali. Secondo il suo sito web, il Consiglio per il controllo delle calorie rappresenta produttori e fornitori di alimenti e bevande a basso e ridotto contenuto calorico.

Ci si deve chiedere, l’aspartame sarebbe così contestato se NurtaSweet riallocasse i propri dollari di marketing in ricerche indipendenti e peer-reviewed?

Ma forse la ragione per cui l’aspartame manca di test indipendenti, è che i ricercatori non sono molto interessato a valutare qualcosa che è stato studiato fin dagli anni ‘ 70.

La maggior parte scientifica del corpo trust e concorda con le varie organizzazioni che hanno valutato l’aspartame. Questo non è un elenco esaustivo, ma a partire dal 2020, il dolcificante artificiale è stato recensito dalle seguenti agenzie:

  • FDA ha approvato l’aspartame nel 1974, 1977,1981, 1983. La FDA è stata a sua volta recensita dal GAO nel 1987, la FDA ha rivisto nuovamente l’aspartame nel 1999 e nel 2007.
  • Il CDC recensì l’aspartame nel 1984.
  • L’EFSA ha esaminato l’aspartame nel 2006, 2009, 2011 e 2013.
  • Il Comitato scientifico europeo per l’alimentazione umana (SCF) ha esaminato l’aspartame nel 1984, 1988, 1997 e 2002.
  • In una relazione pubblicata nel 2010, gli esperti nazionali nominati dagli Stati membri dell’UE hanno esaminato la letteratura scientifica sull’aspartame che era diventata disponibile dal 2002 e hanno concluso che non vi era alcun obbligo di riconsiderare i precedenti pareri sull’aspartame pubblicati dai gruppi di esperti dell’EFSA e dall’SCF.
  • Nel 2006 e nel 2009 due panel europei, tra cui Panel scientifici su additivi alimentari, aromi, coadiuvanti tecnologici e materiali a contatto con gli alimenti (AFC) Additivi alimentari e fonti di nutrienti aggiunti agli alimenti (ANS).

Se l’aspartame debba continuare a ricevere un esame è ancora ampiamente dibattuto e potrebbe non esserci una fine in vista.

Tuttavia, la maggior parte delle agenzie di fiducia concorda sul fatto che, a meno che tu non stia consumando più di 10 bibite dietetiche al giorno, probabilmente non otterrai il cancro dall’aspartame.

Circa l’autore

michelle stampe spearfish

  1. Snopes. L’aspartame è responsabile di ‘ Un’epidemia di sclerosi multipla e lupus’? Snopes.1999.
  2. Soffritti M, Belpoggi F, Esposti DD, Lambertini L. L’aspartame induce linfomi e leucemie nei ratti. European Journal of Oncology2005; 10(2): 107-116.
  3. Società Chimica Americana. L’aspartame è sicuro?. 2015.
  4. Società Chimica Americana. Molecola della settimana: Aspartame. 2019.
  5. PBS. La chimica sfata i più grandi miti sulla salute dell’aspartame.
  6. Warner, Melanie. La verità sul dolce? Il New York Times.2006.
  7. FDA. Ulteriori informazioni sugli edulcoranti ad alta intensità consentiti per l’uso negli alimenti negli Stati Uniti. U. S. Food and Drug Administration.
  8. FDA. L’aspartame è sicuro? 2004.
  9. CDC. Valutazione dei reclami dei consumatori relativi all’uso di aspartame. 2984.
  10. GAO. Regolazione dell’additivo alimentare Aspartame. 1976.
  11. EFSA. L’EFSA completa la valutazione completa del rischio sull’aspartame e conclude che è sicuro agli attuali livelli di esposizione. 2013.
  12. NIH. Dolcificanti artificiali e cancro. 2016.
  13. APE. ALTE DOSI DI ASPARTAME NON HANNO EFFETTI SULLA FUNZIONE SENSOMOTORIA O SULL’APPRENDIMENTO E SULLA MEMORIA NEI RATTI. 1991.
  14. Salute Canada. Aspartame. 2014.
  15. FSANZ. Aspartame. 2019.
  16. Snopes. La Coca-Cola contiene cocaina? 1999.- non c’e ‘ niente da fare. La storia dell’aspartame. 2000.
  17. Prezzo, JM, et al. Tumori della vescica nei ratti alimentati cicloesilamina o alte dosi di una miscela di ciclamato e saccarina. Scienza 20 febbraio 1970: Vol. 167, Fascicolo 3921, pp. 1131-1132. DOI: 10.1126 / scienza.167.3921.1131
  18. Kalkhoff, Ronald K, Marvin E. Levin. La polemica sulla saccarina. Cura del diabete.1978. https://doi.org/10.2337/diacare.1.4.211
  19. M. R. Weihrauch, V. Diehl, Edulcoranti artificiali-comportano un rischio cancerogeno?, Annals of Oncology, Volume 15, Numero 10, ottobre 2004, Pagine 1460-1465, https://doi.org/10.1093/annonc/mdh256
  20. Lardner, James. Il mercato è dolce su aspartame. Il Washington Post.1982.
  21. FDA. Aspartame; Decisione finale del Commissario. Registro federale. 1981.
  22. Olney, JW. Et. al. Aumento dei tassi di tumore al cervello: c’è un collegamento con l’aspartame? J Neuropatolo Exp Neurolo. 1996 DOI: 10.1097/00005072-199611000-00002
  23. Carroll, Aaron E. Le prove supportano i dolcificanti artificiali sullo zucchero. Il New York Times.2015.
  24. Eschner, Kat. “L’aspartame causa il cancro” era una classica bufala su Internet. Smithsonian.2017.
  25. Sykes, M., 2015. LA POLEMICA ASPARTAME DI 1981 La verità nascosta dietro il Non-Così-Dolce Sweetene artificiale. La Virginia Tech Undergraduate Historical Review, 4. DOI: http://doi.org/10.21061/vtuhr.v4i0.33
  26. Soffritti M, Belpoggi F, Degli Esposti D, Lambertini L, Tibaldi E, Rigano A. Prima dimostrazione sperimentale degli effetti cancerogeni multipotenziali dell’aspartame somministrato nel mangime ai ratti Sprague-Dawley. Environ Salute Perspect. 2006;114(3):379–385. doi: 10.1289/ehp.8711
  27. Soffritti M, Belpoggi F, Tibaldi E, Esposti DD, Lauriola M. Durata della vita l’esposizione a basse dosi di aspartame che inizia durante la vita prenatale aumenta gli effetti del cancro nei ratti. Environ Salute Perspect. 2007;115(9):1293–1297. doi: 10.1289/ehp.10271
  28. Soffritti M. Aspartame: Soffritti Risponde. Environ Salute Perspect. 2007; 115(1):A17.
  29. Soffritti M. Cancerogenicità dell’aspartame: Soffritti risponde. Environ Salute Perspect. 2008;116(6):A240. doi: 10.1289/ehp.10881R
  30. Soffritti M, Belpoggi F, Esposti DD, Lambertini L. Aspartame induce linfomi e leucemie nei ratti. EUR J Oncol. 2005;10:107–116.
  31. EFSA. Dichiarazione dell’EFSA sulla valutazione scientifica di due studi relativi alla sicurezza degli edulcoranti artificiali. Rivista EFSA. 2011. Volume 9, Numero 2. https://doi.org/10.2903/j.efsa.2011.2089
  32. EFSA. L’EFSA completa la valutazione completa del rischio sull’aspartame e conclude che è sicuro agli attuali livelli di esposizione. 2013.
  33. EFSA. Parere scientifico sulla rivalutazione dell’aspartame (E 951) come additivo alimentare . 2013. Rivista EFSA. Volume 11, Numero 12. https://doi.org/10.2903/j.efsa.2013.3496
  34. Schubert, C. Aspartame legato ad un aumentato rischio di cancro nei ratti. Natura (2005). https://doi.org/10.1038/news051114-15
  35. Weihrauch MR, et al. Dolcificanti artificiali bear portano un rischio cancerogeno? Ann Oncol. 2004 Ottobre; 15 (10): 1460-5. DOI: 10.1093 / annonc / mdh256
  36. Notizie sulla salute WebMD. Lo studio sui ratti collega l’aspartame al cancro. 2005.
  37. Magnuson, BA et al. Aspartame: valutazione della sicurezza basata sui livelli di utilizzo attuali, sulle normative e sugli studi tossicologici ed epidemiologici.Recensioni critiche in tossicologia.Volume 37, Numero 8. 2007.
  38. Millstone, E. P., Dawson, E. Valutazione tossicologica dell’aspartame da parte dell’EFSA: stava anche cercando di identificare possibili positivi inaffidabili e negativi inaffidabili?. Arch Sanità pubblica 77, 34 (2019). https://doi.org/10.1186/s13690-019-0355-z
  39. PBS. La chimica sfata i più grandi miti sulla salute dell’aspartame.
  40. Weihrauch, MR et al. Dolcificanti artificiali-portano un rischio cancerogeno? Annali di Oncologia, Volume 15, Numero 10, 1460-1465
  41. Lim, Unhee, et. al. Consumo di bevande contenenti aspartame e incidenza di neoplasie ematopoietiche e cerebrali. Pubblicazioni AACR.2006. DOI: 10.1158 / 1055-9965.EPI-06-0203.
  42. Magnuson B, Williams GM. Cancerogenicità dell’aspartame nei ratti non dimostrata. Environ Salute Perspect. 2008; 116(6): A239-A240. doi: 10.1289/ehp.10881
  43. Sathyapalan T, Thatcher NJ, Hammersley R, et al. Sensibilità all’aspartame? Uno studio crossover randomizzato in doppio cieco . PLoS Uno. 2015; 10(3): e0116212. Pubblicato 2015 Mar 18. doi:10.1371 / giornale.pone.0116212
  44. NIH. Studi tossicologici sull’aspartame. Rapporto NTP. 2005.
  45. Fakhouri, Tala. Consumo di bevande dietetiche negli Stati Uniti, 2009-1010. Sintesi dei dati di NCHS. N. 109. 2012.
  46. Lesser LI, Ebbeling CB, Goozner M, Wypij D, Ludwig DS. Relazione tra fonte di finanziamento e conclusione tra articoli scientifici relativi alla nutrizione. PLoS Med. 2007; 4(1): e5. doi:10.1371 / giornale.pmed.0040005
  47. Nill, Ashley. La storia dell’aspartame. 2000.
  48. FDA. Ulteriori informazioni sugli edulcoranti ad alta intensità consentiti per l’uso negli alimenti negli Stati Uniti. U. S. Food and Drug Administration.
  49. FDA. L’aspartame è sicuro? 2004.
  50. CDC. Valutazione dei reclami dei consumatori relativi all’uso di aspartame. 2984.
  51. GAO. Regolazione dell’additivo alimentare Aspartame. 1976.
  52. NIH. Dolcificanti artificiali e cancro. 2016.
  53. APE. ALTE DOSI DI ASPARTAME NON HANNO EFFETTI SULLA FUNZIONE SENSOMOTORIA O SULL’APPRENDIMENTO E SULLA MEMORIA NEI RATTI. 1991.
  54. Salute Canada. Aspartame. 2014.
  55. FSANZ. Aspartame. 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.