I farmaci la cui data di scadenza è passata dovrebbero generalmente essere evitati, dicono gli esperti

La maggior parte dei farmaci nell’armadietto del bagno di mio marito sono obsoleti. C’è la clorochina, riempito giugno 2008, scaduto giugno 2009; la prescrizione-forza naproxen, dispensato ottobre 2010, appena scaduto; e l’idrocodone che avrebbe dovuto essere gettato più di un anno fa. Anche il marchio CVS di Caladryl è scaduto nel 2007.

L’unica fornitura medica apparentemente praticabile nel suo armadio è lo spray nasale TopCare, che la scatola dice è buono attraverso questo mese. La bottiglia è abbastanza piena, quindi non c’è alcuna possibilità che si annebbi il naso abbastanza da finirlo per allora.

Quando gli ho chiesto della sua riserva scaduta, ha riso e ha detto che era peggio squirreled via. Le date di scadenza non lo riguardano, poiché nessuno dei farmaci tratta disturbi cronici e potenzialmente letali. Lui è felice di pop vecchie pillole se ha una spalla dolorante (il naprossene), e lui avrà una possibilità con i farmaci per la malaria (la clorochina) sul suo prossimo viaggio di lavoro in Africa.

È una buona idea?

Probabilmente no, ha detto Shelly Burgess, portavoce della Food and Drug Administration. Ha detto che né la FDA né le aziende farmaceutiche possono garantire cosa succede a un farmaco obsoleto. ” Il farmaco potrebbe mantenere la sua potenza”, ha detto Burgess, o ” il farmaco potrebbe degradarsi in impurità non tossiche, dando origine a un prodotto inefficace, o il farmaco potrebbe degradarsi in impurità tossiche.”

Gli esperti concordano sul fatto che in un ambiente domestico, i farmaci dovrebbero essere tenuti ovunque, ma in bagno, dove l’umidità è più probabile che li induca a degradare o perdere la loro efficacia. (bigstockphoto)

In ogni caso, non consiglia di deglutire la medicina dopo la sua data di scadenza, anche se è solo un paio di mesi troppo vecchio.

Eccezioni alla regola

Ci sono studi, tuttavia, che suggeriscono un certo fattore fondente può temperare questa regola.

Uno studio del 2006 sul Journal of Pharmaceutical Sciences fatto dalla FDA ha rilevato che l ‘ 88% dei farmaci detenuti nella Riserva nazionale strategica, un repository di forniture mediche mantenute in tutto il paese per situazioni di emergenza, aveva la loro durata di conservazione estesa “almeno un anno oltre la loro data di scadenza originale” perché un programma di test della FDA ha Tra i tipi di farmaci che sono stati estesi c’erano antidolorifici, antibiotici, antivirali e farmaci per la malaria. Le informazioni sui test ” supportano l’affermazione che molti prodotti farmaceutici, se correttamente conservati, possono essere estesi oltre la data di scadenza”, ha riferito lo studio.

Desmond Hunt, un senior scientific liaison per la Farmacopea degli Stati Uniti, il gruppo no-profit che stabilisce gli standard per i farmaci utilizzati in questo paese, ha detto che probabilmente non è giusto estrapolare quel consiglio al proprio armadietto dei medicinali, tuttavia.

I farmaci che la persona media acquista, ha detto, “possono passare attraverso molte mani dal momento in cui viene spedito dal produttore fino a raggiungere l’utente finale. Durante ogni handoff e durante il processo di trasporto, c’è un potenziale per un prodotto di droga da conservare al di fuori dei suoi requisiti di temperatura etichettati. Potrebbe sedersi sull’asfalto in umidità, per esempio, o sedersi sotto la pioggia.”Nel mantenere le sue scorte, d’altra parte, ha detto, il governo “ha uno stretto controllo sui suoi prodotti, da chi acquistano, come vengono spediti e come vengono conservati. Questo è lo scenario migliore.”

Ha aggiunto che ” se hai una scelta, non prenderei un farmaco obsoleto.”

Extra caution

Per ottenere l’approvazione della FDA, i produttori di farmaci devono dimostrare che i loro farmaci mantengono la loro potenza per tutta la durata di conservazione promessa. Per fare questo, gli scienziati espongono i farmaci a varie temperature e livelli di umidità e quindi controllano per vedere quanto bene la confezione ha resistito e se c’è stato un cambiamento nell’aspetto o nell’odore del farmaco. Nel caso delle compresse, quindi sciolgono i farmaci in una soluzione chimica per separare il componente del farmaco e verificare se la sua forza è diminuita o è rimasta stabile. I farmaci in forma liquida ricevono test comparabili.

Il Maryland e il Distretto sono particolarmente cauti sulla durata di conservazione: entrambi stabiliscono che la data di scadenza per i farmaci da prescrizione è quella stampata sulla confezione dal produttore o un anno dopo l’erogazione di un farmaco, a seconda di quale viene prima.

La Virginia non ha una legge simile, ma” è pratica comune tra le farmacie indicare una data di scadenza o “uso prima” sull’etichetta della prescrizione”, ha detto il direttore esecutivo del Consiglio di farmacia della Virginia, Caroline Juran. “Questa data è generalmente un anno o la data di scadenza del produttore, a seconda di quale è più breve.”

Non in bagno

Tamiflu è uno dei farmaci nella riserva nazionale strategica le cui date di scadenza sono state estese. Durante l’epidemia di influenza H1N1 nel 2009, la durata di conservazione è stata allungata per alcuni lotti del farmaco antivirale.

“I prodotti sono di solito estesi per due anni”, ha dichiarato Mansoor A. Khan, direttore della divisione di ricerca sulla qualità del prodotto per la FDA. “Ma li testiamo ogni anno” per garantire che l’estensione del secondo anno sia giustificata.

Gli esperti concordano sul fatto che in un ambiente domestico, i farmaci dovrebbero essere tenuti ovunque, ma in bagno, dove l’umidità è più probabile che li induca a degradare o perdere la loro efficacia. Frank Palumbo, direttore del Center on Drugs and Public Policy presso la School of Pharmacy dell’Università del Maryland, ha dichiarato: “Dovrebbero essere conservati in un luogo relativamente fresco e asciutto, al di fuori della luce diretta. Potrebbe essere un cassetto del comò.”

Linda Thompson, un medico di famiglia a Bethesda, ha suggerito di conservare i farmaci in contenitori di plastica ben marcati in cucina, anche se ben lontano dal cibo e oltre la portata dei bambini. Inoltre, assicurarsi che non siano esposti a cambiamenti di temperatura.

Ha detto che è particolarmente cauta sulla longevità delle capsule di gel e degli sciroppi liquidi. “Le capsule si deteriorano più velocemente”, ha detto Thompson. “Assorbono acqua e umidità e si bagnano. Ti chiedi: ci sono batteri lì dentro? Ho avuto un contenitore di vitamine gel che ha ottenuto tutto bloccato insieme a causa dell’umidità. Non potevo prenderli.”

Ecco perché l’integrità della confezione è così importante, ha detto Khan. Le pillole rivestite, in genere utilizzate per alcuni analgesici non prescritti, sono diverse, ha detto Thompson. Anche se sono stati acquistati due o tre anni fa, “dovrebbero essere ancora buoni, a seconda di come li hai conservati”, ha detto. “Ma non li darei a un bambino.”

Thompson ha praticato per più di 20 anni. Ha preso antibiotici che avevano tre anni. ” Sono migliorato”, ha detto, ” ma non dico ai miei pazienti di farlo.”

Hambleton è uno scrittore freelance e documentarista con sede a Washington.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.