I bambini che superano le raccomandazioni sullo schermo AAP sono più felici What cosa dà?

Recentemente, una serie di articoli di stampa popolari, come questo di Newsweek e questo di USA Today, ha suggerito che le linee guida sullo schermo dei bambini sono troppo restrittive e non funzioneranno. Gli articoli discutevano di un recente studio di ricerca, quindi c’era la scienza! Abbiamo temporaneamente pensato di chiudere il nostro sito web e lanciare i nostri figli un iPad mentre facevamo un pisolino (percepiamo il sarcasmo). Abbiamo letto la ricerca e stiamo scomponendo per voi qui, dal momento che (come è tipico), i media popolari ampiamente over-dichiarato i risultati.

Parlami dello studio

Lo studio ha esaminato i dati di 19.957 interviste telefoniche di genitori con bambini da 2 a 5 anni. Le ipotesi riguardavano il collegamento di alcuni fattori chiave: attaccamento ai genitori, resilienza, curiosità e influenza positiva ai limiti di tempo dello schermo. In particolare, hanno confrontato i bambini i cui genitori hanno seguito le vecchie linee guida AAP (meno di 2 ore al giorno), le nuove linee guida AAP (meno di 1 ora al giorno) e i genitori che non hanno seguito alcuna versione delle linee guida per determinare i cui bambini stavano facendo meglio su ciascuno di questi quattro indicatori. Molte associazioni iniziali sono scomparse dopo che gli autori hanno controllato fattori chiave come etnia, età, genere, reddito e istruzione dei genitori.

Per misurare ciascuno dei loro quattro indicatori, hanno posto una domanda ai genitori, che sono sotto per il tuo esame:

  1. Attaccamento ai genitori: “È affettuoso e tenero con te.”
  2. Resilienza: “rimbalza rapidamente quando le cose non vanno per la sua strada.”
  3. Curiosità: “Mostra interesse e curiosità nell’imparare cose nuove.”
  4. Effetto positivo: “Sorride e ride molto.”

La loro popolazione in studio ha riportato una media di 2 ore di tempo sullo schermo al giorno. Quasi il 40% dei bambini nello studio aveva superato le vecchie linee guida (>2 ore al giorno) e quasi il 70% dei bambini aveva superato le nuove linee guida (>1 ora al giorno).

Dopo aver controllato per fattori terzi, il ha scoperto che i bambini i cui genitori hanno seguito le raccomandazioni AAP avevano livelli leggermente più alti di resilienza ma livelli più bassi di effetti positivi rispetto ai bambini i cui genitori non hanno seguito le raccomandazioni. Essi hanno scoperto che i livelli più elevati di effetto positivo tenuto vero per un massimo di 7 ore di schermo-tempo al giorno (!).

Quindi, se segui la raccomandazione AAP, i tuoi figli potrebbero riprendersi più velocemente ma ridono e sorridono meno spesso. Nel complesso, non c’erano molti risultati significativi qui, che era esattamente il punto dell’autore. Se queste raccomandazioni sono difficili da seguire, non dovremmo vedere alcune prove forti che i bambini stanno meglio quando i genitori li seguono?

Quindi, se il tuo obiettivo genitoriale è quello di avere un bambino in età prescolare che ride e sorride molto, vai avanti e dai loro fino a sette ore al giorno, secondo questo studio. Tuttavia, devo chiedermi se l’effetto positivo sia un buon indicatore in una popolazione che sta imparando a gestire le proprie emozioni. Frequenti sconvolgimenti emotivi sono il segno distintivo di questi anni e sono come i bambini imparano a gestire le loro emozioni.

L’Accademia Americana di Pediatria è sbagliata?

All’interno dell’articolo stesso e negli scritti della stampa popolare a riguardo, c’era una conclusione coerente: le raccomandazioni dell’American Academy of Pediatrics sullo schermo sono sbagliate. Le raccomandazioni attuali includono no screen-time per meno di 18 mesi e co-visto, contenuti di alta qualità limitato a meno di un’ora per 2 – a 5 anni di età. Oltre a ciò, si suppone di avere conversazioni continue e creare un piano di media di famiglia.

Quindi, questo nuovo studio dimostra che queste raccomandazioni sono sbagliate? Neanche un po’. Le raccomandazioni AAP si basano su un esame critico di tutta la scienza, non solo su uno studio. L’AAP non sta solo guardando se i bambini da due a cinque anni sono più felici, ma tutti gli altri indicatori di salute; dopo tutto sono pediatri. E le associazioni negative con il sonno, il peso, l’attenzione e il linguaggio (per i bambini più piccoli) rimangono forti.

Inoltre, se siamo interessati esclusivamente all’effetto positivo per i bambini piccoli, c’è una ricerca longitudinale che mostra che il tempo dello schermo è inversamente correlato al benessere. Si potrebbe sostenere che questo studio è molto più vecchio di quello in discussione (2004 vs 2017). Tuttavia, si potrebbe anche sostenere che questo studio ha utilizzato metodi più rigorosi (misure longitudinali e convalidate) piuttosto che relazione madre.

Per i bambini più grandi, la moderazione è la chiave

Il team di ricerca che ha pubblicato questo studio ha anche pubblicato un altro studio sugli adolescenti sulla moderazione: non troppo e non troppo poco è associato al benessere. Questo studio è in linea con altre ricerche sul tempo totale dello schermo dell’adolescente. Il Dott. Jean Twenge ha pubblicato diversi studi che dimostrano che una maggiore quantità di tempo sullo schermo per gli adolescenti è associata a una serie di problemi di salute mentale. Tuttavia, l’uso moderato è stato associato a un migliore benessere generale rispetto a nessun uso. Questo ha molto senso per i bambini più grandi. Screen-free funziona solo per così tanto tempo senza conseguenze sociali e non avrei mai discutere i genitori di adolescenti istituto screen-free. Tuttavia, raccomando che continuino ad avere limiti, poiché questo è ciò che la ricerca supporta.

The Take-Home Point

Mentre questo studio di un sondaggio ci ha dato alcune informazioni sui livelli di felicità nei bambini da due a cinque anni, abbiamo un ampio corpo di ricerca che suggerisce che il monitoraggio dei genitori è associato a benefici di vasta portata per il sonno dei bambini, gli accademici e le relazioni sociali. Abbiamo anche oltre cento anni di ricerca non controversa che suggerisce che le relazioni sociali, il gioco libero, il tempo all’aperto, il lavoro indipendente e le attività basate sull’alfabetizzazione sono incredibilmente importanti per lo sviluppo della prima infanzia. Questa è la base dietro il nostro sistema S. P. O. I. L.

Scatena lo schermo-Free –

Dopo aver sentito parlare dei dettagli dello studio, cosa ne pensi?

Unisciti alla rivoluzione

Iscriviti per avere grandi articoli come questo inviato direttamente a voi nella nostra e-mail di riepilogo settimanale Parenting Screen-Free.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.