El Confidencial

Pensi che l’acne sia correlata solo all’adolescenza e alla pubertà? Ti sbagli. Anche gli adulti possono soffrirne. Se sei uno di quelli che ne soffrono, dovresti sapere che a differenza del giovane, che è caratterizzato dalla comparsa di numerosi piccoli brufoli, negli adulti appaiono pochi, ma possono causare profonde cavità e cicatrici sulla pelle.

La verità è che a volte sembra essere una storia senza fine. Comprate creme specifiche che un amico ha raccomandato, esfoliate sotto la doccia, mangiate meno grassi e non c’è ancora modo di eliminarlo. Quando non ottieni nulla, devi metterti nelle mani di specialisti per sottoporti a un trattamento, ma se vuoi provare ti proponiamo alcuni modi in cui puoi raggiungerlo.

A seconda della natura dei brufoli, della superficie della pelle colpita, dell’età del paziente o dell’impatto psicologico della malattia, il dermatologo dovrebbe adattare il trattamento. Ma anche prima di andare alle medicine, è necessario seguire alcune semplici regole di igiene. “È necessario pulire senza danneggiare, utilizzando prodotti morbidi e non detergenti”, spiega Marc Perrussel, dermatologo presso l’Ospedale universitario di Rennes. Una o due volte al giorno è sufficiente. “E, soprattutto, non toccare i brufoli perché creano piaghe che possono infettarsi e lasciare cicatrici in seguito”, aggiunge.

Cause

Nella maggior parte dei casi di acne negli adulti si verifica perché il grasso generato dalle ghiandole sebacee (sebo) si intasa i pori della pelle, favorendo la nidificazione e lo sviluppo di batteri, che causano un’infezione e un processo infiammatorio (con conseguente formazione di brufoli caratteristiche di questo problema).

A seconda dello stadio della tua acne, il tuo dermatologo prescriverà un trattamento o un altro

Un’altra causa è un’alterazione ormonale. Negli uomini da una produzione eccessiva di androgeni, e nelle donne in uno squilibrio in equilibrio, usuale durante le mestruazioni (sindrome premestruale), gravidanza o menopausa. Lo stress può essere un’altra causa, in quanto aumenta la secrezione di cortisolo, un ormone che è governato da meccanismi simili agli androgeni.

Oltre a tutto questo, può essere un sintomo associato a determinate malattie. Ad esempio, un improvviso attacco di acne in un adulto può essere dovuto al diabete di tipo 2. Lo stesso vale per le donne, la cosiddetta sindrome dell’ovaio policistico, che è caratterizzata da un aumento degli androgeni e una diminuzione degli estrogeni. Inoltre, numerosi studi assicurano che il fumo ha qualche relazione con il suo aspetto negli adulti, aggravando quello esistente o agendo come un trigger.

Cosa fare

La maggior parte dei farmaci specifici per questo problema della pelle sono progettati per quando appare nell’adolescenza, quindi non sono così efficaci da una certa età. Sia chiaro che deve essere trattato da un dermatologo, occupandosi delle cause che devono essere trattate. Quello che dovresti bruciare, anche se è difficile farlo, è che non dovresti scoppiare o svuotarli.

In molti casi può diventare una malattia cronica difficile da controllare e in cui i primi risultati sono visibili da due mesi. Ogni persona ha una natura diversa. Stai molto attento con il trucco (se lo usi) perché in molti casi ostruisce i pori e peggiora il problema. Non sono nemici, ma guarda quale scegli e si adatta alla tua pelle.

L’igiene è fondamentale: è necessario pulire senza danneggiare, utilizzando prodotti morbidi e non detergenti

Ci sono numerose opzioni per curare l’acne. Dipende anche molto da quale livello si trova lo stadio del tuo problema. Se hai meno della metà del viso interessato, è lieve: il medico prescriverà una crema o un gel a base di perossido di benzolio e retinoidi. Se hai di più e il viso coperto da brufoli, punti neri e brufoli è medio o grave. In questo caso, la prescrizione includerà un trattamento locale identico all’altro. “Prescrivevamo antibiotici, ma non lo facciamo più perché ci siamo resi conto che i batteri stavano sviluppando resistenza a queste molecole”, afferma Brigitte Dréno, responsabile della dermatologia e oncologia presso il dipartimento ospedaliero universitario di Nantes.

In aggiunta, i farmaci con retinolo (vitamina A), che rilasciano i follicoli e tenerlo pulito, contraccettivi orali per regolare l’equilibrio ormonale nella donna, trattamenti laser, pulire la pelle con acido glicolico e acido salicilico, per regolare l’eccesso di grasso, di zolfo, che agisce come battericida e riduce l’infiammazione, trattamenti detossinanti e l’esposizione al sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.