Ecco come il digiuno intermittente potrebbe effettivamente farti aumentare di peso

Il digiuno intermittente è adatto a tutti?

Dr. Arnaud Cocaul: In realtà, no. Alcune persone troveranno facile non mangiare per 16 ore, mentre altri avranno rapidamente attacchi di munchies, o addirittura soffrono di vertigini o nausea. In quest’ultimo caso, è importante prestare attenzione al tuo corpo e non esagerare, o almeno limitare la quantità di tempo che trascorri sulla dieta.

Le persone che hanno un peso più o meno “normale” dovrebbero prestare particolare attenzione. Il digiuno può aprire la strada a tutti i tipi di disturbi alimentari. Ci sono opzioni meno radicali da provare: solo mangiare più lentamente, per esempio, è una di queste.

Meno chili sulla bilancia non si traduce necessariamente in meno grasso corporeo Dr

Dr. Cocaul: No, non lo fa. La distinzione tra perdere grasso e perdere muscolo è importante. Le persone i cui corpi non tollerano di essere privati del cibo possono scoprire che perdono massa muscolare prima di perdere grasso.

Ne consegue che quando perdono peso stanno prima di tutto perdendo muscoli, e questo può provocare impulsi molto forti per il cibo, che può effettivamente provocare un aumento di peso.

Ci sono altri rischi associati al digiuno intermittente?

Dr. Cocaul: A rigor di termini non sono davvero rischi, perché non mangiare per un periodo limitato non è di per sé un problema finché si ha un’alimentazione adeguata. È qui che arriva una corretta supervisione medica o almeno una guida da parte di una persona che ha una buona comprensione del metodo. In breve, è importante non intraprendere un regime di digiuno intermittente da solo senza un’adeguata conoscenza dell’argomento.

Questo articolo è pubblicato tramite AFP Relaxnews.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.