Consapevolezza sociale / sessuale

Scritto da Geri Newton

La consapevolezza sessuale è normale. I sentimenti sessuali sono normali e ci sono molti modi per esprimerli. Se una persona ha una disabilità, non cambia nulla di tutto questo. Ciò che spesso cambia è la socializzazione che fornisce le basi per l’identità sessuale.
In America, le persone con disabilità sono a volte oppressi e trattati come ‘meno di’. Questo può avere un impatto profondo. Spesso, le persone con disabilità dello sviluppo si sentono male o che qualcosa non va con loro. Per estensione, possono sentire che i loro normali sentimenti sessuali sono anche cattivi o sbagliati. L’impulso sessuale umano è un impulso primario; non è facoltativo. Abbiamo un desiderio sessuale finché abbiamo abbastanza da mangiare, bere e dormire, e non siamo sotto stress eccessivo.

Come genitori, è fondamentale dare ai nostri figli una comprensione amorevole della sessualità. Se diamo loro il messaggio che la loro sessualità è preziosa e meravigliosa, allora avranno alcune informazioni con cui bilanciare i messaggi piuttosto contrastanti che probabilmente riceveranno dalla cultura dominante.

Bambini. Nei primi anni, diamo ai bambini informazioni sull’essere un ragazzo o una ragazza. È anche utile dare loro nomi corretti per le loro parti del corpo tra cui pene, vagina e ano. Questi termini dovrebbero essere insegnati usando un linguaggio rilassato e aperto.

I bambini si accarezzano durante la prima infanzia. Non rispondere a questo comportamento va bene nei primi anni. Se questo comportamento si verifica durante la cena o alla festa di compleanno di zia Martha, distrarli senza attirare l’attenzione è certamente appropriato. Quando sono abbastanza grandi per essere consapevoli degli altri intorno a loro, dicendo loro: “So che si sente bene e dovrebbe sentirsi bene, ma è anche qualcosa di speciale e privato.”Questo tipo di spiegazione li aiuterebbe a capire la loro sessualità. Qualunque parola tu scelga, serviranno meglio un bambino impartendo l’idea che i sentimenti sessuali siano meravigliosi e molto personali. L’ora del bagno è anche un buon momento per insegnare la consapevolezza del corpo, compresa la necessità di trattare il proprio corpo con rispetto. Sulla base della mia esperienza, credo che questo possa essere insegnato, indipendentemente dal livello identificato di disabilità.
Se permettiamo alla disabilità del bambino di impedirci di insegnare questi concetti, allora lo lasceremo vulnerabile. Proprio come i bambini imparano a mangiare, bere, dormire e affrontare la paura, possono imparare ad esprimere la loro sessualità. In effetti, i bambini hanno bisogno di un sostegno adeguato per esprimersi sessualmente; e questo supporto include informazioni sui limiti appropriati e vari modi per mostrare rispetto per se stessi.

Adolescenti e adulti. Con il tempo si muovono nella loro adolescenza, sperimenteranno cambiamenti nei loro corpi che si riflettono nella loro sessualità. Inizieranno a sperimentare orgasmi. Cresceranno peli pubici e ascellari. Nel complesso i peli del corpo cambieranno. La voce di un giovane cambierà. Una giovane donna inizierà a mestruare. Immaginate di passare attraverso questi cambiamenti senza conoscere i nomi delle parti del corpo, senza la preparazione di anticipare il cambiamento, e senza la consapevolezza che qualcuno di fiducia è disponibile se lui/lei ha domande. Questo tipo di informazioni aiuta queste persone a sapere che non stanno “cadendo a pezzi” e che possono porre domande. Non basta aspettare e poi dire a qualcuno ” oh, a proposito, chiedi se hai domande.”

In questo periodo, giovani uomini e donne possono iniziare a masturbarsi. Questa attività può essere avvincente dopo essersi portati all’orgasmo la prima volta. Questo è normale e non dovrebbe causare indebite preoccupazioni a meno che non siano così assorti da perdere altre parti della vita. In tal caso, sarebbe utile aiutarli a capire l’equilibrio nelle loro attività. Può essere semplice come far loro sapere che le serate e le ore di letto sono momenti buoni per masturbarsi, mentre i giorni sono importanti per sviluppare altri interessi.

Questo è un buon momento per spiegare ulteriormente la funzione delle parti del corpo. Per i giovani, spiega loro perché non possono urinare con un’erezione, come funziona un pene, ecc. Per una giovane donna, spiega loro dove trovare il clitoride e cosa fa, e perché ha le mestruazioni. Se una persona ha l’autismo e sperimenta la difesa tattile, la masturbazione può sembrare diversa. L’individuo può strofinare più duro o con brevi movimenti rapidi, più come un movimento di macinazione. È importante determinare se la persona sta ancora godendo la sensazione e non causando danni a se stessa. Se lui / lei sta causando abrasione ai tessuti, offrendo gelatina KY o qualche altro lubrificante solubile in acqua può essere utile.

Dopo che una giovane donna inizia le mestruazioni, è abbastanza grande per gli esami vaginali regolari. Molti saranno terrorizzati da questi esami. Le donne con disabilità spesso hanno bisogno di formazione su come respirare durante un esame, come rilassare i muscoli vaginali, e come essere assertivo con il medico al fine di passare attraverso gli esami senza essere medicati. Alle donne che non parlano può essere insegnato a usare i gesti per dire al medico di “fermarsi” o “aspettare.”
Questo è anche il momento in cui i genitori possono iniziare a preoccuparsi della gravidanza. In Oregon, abbiamo una legge rigorosa per quanto riguarda la sterilizzazione. Questa legge è nata perché molte donne e uomini con disabilità sono stati abusati. È quasi impossibile ora sterilizzare una persona con disabilità. Una buona cura di sé e una comprensione dei propri bisogni e responsabilità sessuali possono mantenere una persona il più sicura possibile in circostanze normali, ma ci saranno momenti in cui le preoccupazioni per la gravidanza e/o i comportamenti sessuali comporteranno la necessità di contraccezione orale o di altre forme. Di conseguenza, molte persone hanno usato sostanze chimiche per prevenire la gravidanza. Le tecniche di autogestione possono anche essere utili quando si insegna un comportamento sessuale appropriato.

Abuso sessuale. Un’altra considerazione importante è l’abuso sessuale. Le donne sono abusate sessualmente a tassi allarmanti. Le donne che hanno una disabilità sembrano essere abusate ancora di più. Mentre le statistiche accurate sono difficili da ottenere, è certo che tutte le donne e gli uomini con disabilità devono essere consapevoli delle loro opzioni sessuali sani; e hanno bisogno di sapere cosa fare se di fronte ad abusi sessuali o il contatto sessuale che li rende a disagio.

È importante che le persone capiscano che nulla di ciò che fanno fa sì che qualcuno li abusi. È il perpetratore che prende la decisione di abusi sessuali. Pertanto, quando insegniamo alle persone come dire “No” a contatti sessuali indesiderati, dobbiamo essere sicuri di evitare di dare l’impressione che siano responsabili se vengono abusati. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità.

Per insegnare l’assertività, come dire “No”, dobbiamo smettere di insegnare la conformità ai comandi. Dovremmo insegnare negoziazione, compromesso, ecc., ma non conformità. Possiamo anche insegnare loro a discriminare tra richieste ragionevoli e irragionevoli, come essere assertivi e come trovare un partner sessuale appropriato. Se diciamo alle persone che non possono fare sesso, allora aumentiamo il rischio che rispondano ai loro sentimenti sessuali e non ce lo dicano. Se vengono abusati, potremmo non saperlo a meno che non possiamo individuare gli indicatori.

È importante aiutare gli adulti a capire che se qualcuno sta cercando di convincerli in qualcosa senza rispettare i loro sentimenti o desideri, allora la risposta più sicura è “No.”L’abuso sessuale non riguarda il sesso. L’abuso sessuale riguarda il potere. Se sosteniamo le persone a definire il proprio stile di potere personale, sono in una posizione migliore per capire qualcuno che sta cercando di controllarli. Una persona che ascolta i desideri e le esigenze degli altri è più probabile un partner sicuro. Possiamo insegnarlo usando il gioco di ruolo.

Molti dei miei clienti mi hanno detto che fare sesso con qualcuno è l’unica volta in cui si sentono normali. Hanno un lavoro che sanno che una persona “normale”non avrebbe. Non possono guidare. Non sono liberi di andare dove vogliono, quando vogliono. Devono sempre dire a qualcuno dove sono e con chi sono. Si sentono come se fossero trattati come un bambino. Eppure, quando sono sessuali con qualcuno, sono proprio come tutti gli altri-un adulto. Ho ricevuto questo stesso messaggio da persone con IQ identificati da 30 a 70, verbali e non verbali.
Sfortunatamente, alcune persone sono vittime sessualmente perché apprezzano la sensazione di attività sessuale. Se siamo in grado di riconoscere il potere di un rapporto abusivo a causa dei propri sentimenti sessuali, saremo meglio in grado di sostenere le persone nello sviluppo di modi per discriminare relazioni rispettose che possono crescere e beneficiare entrambe le persone.

Relazioni sessuali. È importante insegnare il contesto per una relazione sessuale. Questo inizia a svilupparsi durante i primi insegnamenti su come e dove masturbarsi; come godere dell’espressione sessuale; valutare se stessi; mostrare rispetto per gli altri e aspettarsi rispetto verso se stessi; imparare ad esprimere emozioni come rabbia, tristezza e gioia in modi che altre persone possono capire; e sviluppare un senso di stile.
Uomini e donne adulti che hanno disabilità possono o non possono essere consapevoli della propria attrattiva e di come si presentano agli altri. Le donne che hanno una disabilità potrebbero voler radersi le gambe in estate. Gli uomini potrebbero voler sperimentare acconciature. Entrambi potrebbero voler decidere cosa sembra meglio su di loro. Questo può sembrare banale, ma è importante; permette loro di affrontare il mondo.

Alcuni individui con autismo potrebbero aver bisogno di istruzioni specifiche sulle aspettative sociali. Alcuni modi, modi di conversare o costumi sessuali potrebbero non avere significato per loro nello stesso modo in cui una persona senza autismo potrebbe sperimentarli. Per questi individui, è importante fornire loro ampie informazioni sui rituali e sui confini sociali. Giochi di ruolo, ricordi discreti quando in pubblico, e un sacco di pratica sono utili.

Le persone sono esseri sessuali. Non è una scelta o un’opzione. È una verità. La migliore educazione sessuale è una piena consapevolezza delle abilità sociali, dei confini, dell’espressione sessuale e delle aspettative.

Geri Newton è consulente in etica, sessualità e interventi terapeutici. Se si desidera contattare la signora Newton, il suo numero di ufficio è: (503) 363-6347, e la sua posta è: newton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.