Biography Online

mozart

Wolfgang Amadeus Mozart (27 gennaio 1756 – 5 dicembre 1791) è stato uno dei compositori più influenti, popolari e prolifici del periodo classico. Bambino prodigio, fin dalla tenera età inizia a comporre oltre 600 opere, tra cui alcuni dei più famosi pezzi di musica sinfonica, da camera, operistica e corale.

” La musica è la mia vita e la mia vita è musica. Chi non capisce questo non è degno di Dio.”

– Wolfgang Amadeus Mozart.

Breve biografia di Mozart

child-Wolfgang-amadeus-mozart_2

Mozart nacque a Salisburgo da una famiglia di musicisti. Fin dalla tenera età, il giovane Mozart ha mostrato tutti i segni di un prodigioso talento musicale. All’età di cinque anni, poteva leggere e scrivere musica, e intratteneva le persone con il suo talento sulla tastiera. All’età di sei anni, stava scrivendo le sue prime composizioni, e all’età di otto aveva composto la sua prima sinfonia. Mozart era generalmente considerato un raro genio musicale, sebbene fosse anche diligente nello studio di altri grandi compositori come Haydn e Bach.

Suo padre Leopold, che era anche un musicista, si affrettò a vedere il talento del suo giovane figlio e divenne un formidabile pubblicista nel mostrare le capacità del figlio. Durante la sua infanzia, Mozart fu ospite frequente in vari palazzi in tutta Europa, suonando per ospiti illustri. Oltre ad essere festeggiato da aristocratici in tutta Europa, Leopold ha cresciuto i suoi figli come cattolici severi. Ciò includeva la partecipazione alla messa, la confessione frequente e la venerazione dei santi. Mozart rimase un cattolico impegnato per tutta la vita.

mozart-family-on-tour

Mozart family on tour

Vestito con i migliori abiti, il genio bambino Mozart ha lasciato un’impressione indelebile su tutti quelli che ha incontrato. Uno dei compositori più eminenti dell’epoca, Johann Hasse, osservò: “Ha fatto cose che per esempio l’età sono davvero incomprensibili; sarebbero sorprendenti in un adulto.”

All’età di 17 anni, accettò un posto come musicista di corte a Salisburgo; anche se questo non gli andava molto bene. Ha irritato per la mancanza di indipendenza dal suo patrono Principe-Arcivescovo Hieronymus Colloredo (il sovrano di Salisburgo). Mozart era anche indignato per il suo magro stipendio (150 fiorini all’anno) che ha lasciato Mozart sensazione incompreso. Eppure, nonostante l’insoddisfazione e il coinvolgimento nelle file, i prossimi anni furono un periodo di composizione prolifica. Nel 1777, si stancò delle richieste poste su di lui dal suo patrono e negoziò la liberazione dal suo contratto. Lasciò Salisburgo e dopo aver viaggiato a Parigi e in Germania, si trasferì definitivamente a Vienna, in Austria, dove visse per il resto della sua vita.

Inizialmente, Mozart lavorò per l’arcivescovo Colloredo, ma ancora una volta Mozart si sentì costretto dalle richieste irragionevoli e dalle limitazioni poste su di lui dall’Arcivescovo. Ad esempio, l’Arcivescovo ha cercato di impedire a Mozart di suonare in concerti pubblici. Mozart si arrabbiò per queste restrizioni e affrontò l’arcivescovo. Alla fine, è stato rilasciato dal suo contatto con un ‘calcio letterale sul retro.”È stata una decisione difficile perché suo padre si è schierato con l’arcivescovo e ha ritenuto che suo figlio dovesse cercare di riconciliarsi con l’arcivescovo. Alcuni biografi vedono questo come un momento importante nella vita di Mozart in quanto – in modo molto chiaro-Mozart ha affermato la sua indipendenza musicale anche a costo del suo rapporto con il padre e la sua sicurezza finanziaria.

A Vienna, è diventato ben noto ed è stato spesso richiesto come compositore e interprete. Le sue nuove composizioni abbaglianti e innovative erano generalmente ammirate, anche se, come molti geni, era in anticipo sui tempi. Alcuni hanno criticato le sue sinfonie per essere troppo complicate, tuttavia, ha ricevuto il plauso molto sincero di tutti i grandi compositori dell’epoca. Schubert disse di Mozart:

“O Mozart! Mozart immortale! Quante innumerevoli impressioni di una vita più luminosa e migliore hai impresso sulle nostre anime!”

A livello personale, il suo rapporto teso con il padre prepotente ha lasciato Mozart spesso alla ricerca di un riconoscimento esterno. Tuttavia, nel regno della musica, Mozart era nel suo mondo, non era costretto dalle meschine incomprensioni e aspettative della società.

“Non presento alcuna attenzione alla lode o alla colpa di nessuno. Seguo semplicemente i miei sentimenti.”

Mozart

Mozart

il Disegno di Mozart da Dora Stock, Dresda, aprile 1789

Tuttavia, nonostante la sua relativa fama, ha faticato a gestire le sue finanze e spostato tra periodi di povertà e di prosperità. Una caratteristica del carattere di Mozart era che poteva essere frivolo con il denaro; gli piaceva spendere per abiti di fantasia – non appena riceveva denaro poteva spenderlo ed era spesso in debito. Un altro aspetto del personaggio di Mozart era una giocosità e un buon umore, che poteva anche apparire come infantile. Godeva di scherzi e di un ruvido senso dell’umorismo, e il suo atteggiamento spensierato poteva metterlo in difficoltà con i funzionari di corte più seri. Eppure Mozart era un uomo di grande contrasto e contrappunto. Un momento potrebbe fare una battuta cruda, il prossimo potrebbe comporre la musica più sublime e divina.

Vita personale

Nel 1782, sposò Constanze – contro il volere di suo padre. Rimase molto vicino a lei per il resto della sua vita ed era molto innamorato. Ebbero sei figli, ma solo due sopravvissero all’infanzia. Mentre si avvicinava a Constanze, il suo rapporto con suo padre si deteriorava. Suo padre era stato prepotente fin dalla sua infanzia, e Mozart sempre più risentito la sua presenza.

pianoforte

Primo fortepiano suonato da Mozart

Le sue difficoltà finanziarie furono accentuate nel 1786 quando l’Austria fu coinvolta in una guerra che portò a una minore domanda di musicisti. Mozart scrisse molte lettere chiedendo il sostegno di mecenati, amici e compagni massoni. Ha ricevuto solo un sostegno sparso e ha integrato le sue entrate insegnando ed eseguendo le sue opere.

Morte e requiem

Nell’ultimo anno della sua vita, ha iniziato a comporre una delle sue più grandi opere – Il Requiem. Mozart morì prima che potesse finire. Le ragioni della sua morte non sono chiare. Il più probabile è una malattia improvvisa-forse la peste o forse una combinazione di artrite reumatoide e polmonite. Una leggenda narra che fu avvelenato da un geloso rivale compositore Salieri, ma questa teoria è screditata..

La sua ultima grande opera il Requiem fu commissionata dal conte Franz von Walsegg per sua moglie che era passata via. Walsegg potrebbe aver cercato di farlo passare come il suo lavoro, ma un concerto di beneficenza pubblica per Constanze frustrato il suo obiettivo. Molti hanno preso il Requiem per essere autobiografico e scritto da Mozart per la propria vita.

Mozart era vicino alla bancarotta quando morì e gli fu data una modesta sepoltura di un cittadino. Non era la tomba di un povero come a volte sostenuto. Ma, a quei tempi, 10 anni dopo la sepoltura, una tomba dei cittadini poteva essere dissotterrata e riutilizzata.

La musica di Mozart

Il lavoro di Mozart è epico per portata e proporzione. C’erano pochi rami della musica che Mozart non toccava. Compose opere, sinfonie, concerti e pezzi solisti per pianoforte. Il suo lavoro spaziava da gioiosi pezzi spensierati a composizioni potenti e stimolanti che toccavano le emozioni. All’inizio della sua carriera, Mozart aveva una potente capacità di imparare e ricordare dalla musica che ascoltava dagli altri. Fu in grado di incorporare lo stile e la musica di persone come Haydn e J. S. Bach. Mentre maturava, ha sviluppato il suo stile e le sue interpretazioni. A sua volta, la musica di Mozart influenzò molto il primo Beethoven.

Mozart è stato allevato un cattolico romano e rimase un membro della chiesa per tutta la sua vita.

“Conosco me stesso e ho un tale senso di religione che non farò mai nulla che non farei prima del mondo intero.”

Alcune delle sue più grandi opere sono di natura religiosa come l’Ave Verum Corpus e il Requiem finale.

Mozart fu molto produttivo fino alla sua prematura morte nel 1791, all’età di 35 anni.

“Non mi corico mai di notte senza riflettere quel giovane come sono —potrei non vivere per vedere un altro giorno.”

Nell’ultimo anno della sua vita, ha composto l’opera “il Flauto Magico”, il finale del concerto per pianoforte e orchestra (K. 595 in B-flat), il Concerto per Clarinetto K. 622, un quintetto d’archi (K. 614 in E-flat), il celebre mottetto Ave Verum Corpus K. 618, e l’incompiuto Requiem K. 626.

Citazione: Pettinger, Tejvan. “Biografia di Mozart”, Oxford, Regno Unito. www.biographyonline.net, Ultimo aggiornamento 3 marzo 2020. Originariamente pubblicato 28 maggio 2008.

Più interessanti sulla vita di Mozart

Mozart – 100 Capolavori Classici

Copertina

Mozart – 100 Capolavori Classici di Amazon

Mozart: Una Vita

Copertina

Mozart: Una Vita su Amazon

pagine

j.s.bachFamosi Compositori – Un elenco di personaggi famosi e influenti compositori di tutta la storia, tra i più grandi compositori come Bach, Mozart e Beethoven.

mozart Famosi austriaci. Famosi austriaci, tra cui Maria Antonietta, Sigmund Freud e musicisti, come Mozart, Franz Liszt, Schubert. Anche figure politiche austriache.

Sir_Winston_S_ChurchillPersone che hanno cambiato le persone di fama mondiale che hanno cambiato il corso della storia tra cui Socrate, Newton, Gesù Cristo, Maometto, la regina Vittoria, Caterina la Grande, Einstein e Gandhi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.